14 Giugno 2021
[]
News
percorso: Home > News > Vaticano

Svizzera: possibile apertura di un'ambasciata presso Santa Sede

08-05-2021 19:41 - Vaticano
Il presidente della Confederazione Elvetioca Guy Parmelin ha incontrato il Papa
Il presidente della Confederazione Elvetioca Guy Parmelin ha incontrato il Papa
GD – Città del Vaticano, 8 mag. 21 – La Svizzera potrebbe aprire una propria ambasciata presso la Santa Sede. È quanto è emerso dopo che il presidente della Confederazione Elvetica, Guy Parmelin, ha incontrato Papa Francesco. Il presidente della Svizzera ha poi incontrato il card. Pietro Parolin, Segretario di Stato per la Santa Sede, accompagnato da mons. Paul Richard Gallagher, segretario per i Rapporti con gli Stati. Attualmente è l’ambasciatore svizzero in Slovenia a rappresentare la Svizzera in Vaticano.
Dopo questi incontri in Vaticano, il presidente svizzero ha poi risposto ad alcune domande di “I.Media”.
D.: Dopo il suo incontro con il Papa, la Sala Stampa della Santa Sede ha spiegato che la Svizzera e il Vaticano vogliono rafforzare la loro collaborazione. Che forma potrebbe assumere questo riavvicinamento?
Parmelin: «Abbiamo già molto in comune. Le due entità sono coinvolte in aspetti di difesa dei più svantaggiati, in particolare nel contesto della crisi. In diverse sedi collaboriamo con il Vaticano. Un elemento che forse consentirà di rafforzare i nostri legami è il possibile progetto che il Dipartimento Federale degli Affari Esteri sta preparando. Si tratterebbe di aprire qui un’ambasciata, mentre attualmente è l’ambasciatore svizzero in Slovenia a rappresentare la Svizzera in Vaticano. È un progetto che il Dipartimento deve sottoporre all’approvazione del Consiglio Federale. Se il Consiglio Federale lo sostiene, ovviamente consulterà le Commissioni per gli Affari Esteri dei due Consigli e possiamo andare avanti. Potrebbe essere un ulteriore gesto concreto per consolidare le nostre ottime relazioni».
D.: Quando possiamo aspettarci l’apertura di un’ambasciata presso la Santa Sede a Roma?
Parmelin: «Dipende da diversi fattori. Innanzitutto, il Consiglio Federale deve occuparsi del progetto, cosa che potrebbe essere realizzata abbastanza rapidamente. Quindi, le consultazioni con le Commissioni per gli Affari Esterni sono un obbligo. Può andare molto velocemente, ma non posso dare una data perché chi conosce il nostro sistema politico, sa che a volte è complesso».
D.: Ha discusso con il Papa o con il card. Parolin del caso Esterman, comandante della Guardia Svizzera assassinato nel 1998?
Parmelin: «Non ne abbiamo discusso, né con il Papa, né con il card. Parolin. Devo dire che ci sono dei procedimenti in corso. Queste sono questioni che vengono risolte a livello di uno Stato straniero. Non è compito del Consiglio Federale interferire in questi procedimenti».
D.: Quali altri argomenti ha discusso con il Papa?
Parmelin: «È stato uno scambio molto cordiale. Non c’era un programma fisso. Ho accennato ad alcuni aspetti delle relazioni tra la Svizzera e il Vaticano. Avremmo dovuto celebrare il 100° anniversario del rinnovo delle relazioni diplomatiche nel 2020. Con la pandemia, l’abbiamo spostato. In autunno il card. Parolin verrà in Svizzera per festeggiare questo anniversario. Questa è la prima volta che avremo un Primo Ministro del Vaticano in Svizzera. Credo che questo sia un segno di consolidamento delle relazioni tra il Vaticano e la Svizzera».
D.: Il progetto di finanziamento della caserma della Guardia Svizzera era tra i temi discussi?
Parmelin: «Ho in effetti accennato al sostegno che il Consiglio Federale ha deciso di fornire per la ricostruzione della caserma della Guardia Svizzera . Il progetto di finanziamento da parte del Consiglio Federale di 5 milioni di franchi è nelle mani del Parlamento. La ricostruzione della caserma è un grande progetto a cui sta lavorando una fondazione per reperire fondi. Abbiamo discusso gli aspetti pratici con il card. Pietro Parolin. Ad esempio, le guardie svizzere dovranno essere ospitate altrove durante i lavori. Il Vaticano si assumerà questa responsabilità».
D.: È stata menzionata la pandemia Covid-19?
Parmelin: «Abbiamo accennato a diversi aspetti relativi alla pandemia, alle sue conseguenze sui giovani che potrebbero non essere più in grado di beneficiare dell’istruzione in alcuni Paesi. Il Papa ha espresso la sua preoccupazione che tutto si fermi in alcune zone. Era interessato a capire il modo in cui è organizzato il sistema svizzero, con i Cantoni che hanno la base dell’istruzione e della formazione, e il sistema federale che sostiene con diversi mezzi i college e le università senza dimenticare la formazione professionale. Ha trovato il sistema efficace».
D.: Ha menzionato la recente decisione degli Stati Uniti di revocare i brevetti sui vaccini anti-covid? La posizione della Svizzera su questo argomento cambierà?
Parmelin: «No, questo non è stato discusso con il Papa. La Svizzera è sempre stata favorevole alla protezione brevettuale per promuovere l’innovazione, il dinamismo e la possibilità per le aziende di cercare soluzioni e promuovere la ricerca. Allo stesso tempo, la Svizzera si è impegnata nel programma Covax per fornire sostegno in modo che i paesi bisognosi possano essere supportati durante la crisi. Allo stato attuale, la posizione della Svizzera non è cambiata. Pensiamo che questa possa essere una «cattiva idea». È meglio consentire alle aziende di unire i propri punti di forza e avere la garanzia di avere qualcosa per sviluppare la ricerca e ottenere risultati.

https://www.catt.ch/newsi/verso-unambasciata-svizzera-presso-la-santa-sede-a-roma/


Fonte: cath.ch/imedia
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it