14 Luglio 2024
[Testata sito web Giornale Diplomatico]
News

San Marino: summit UNWTO “Tourism for All” con diplomatici e esperti

16-11-2023 17:02 - Arte, cultura, turismo
Foto ufficio stampa Repubblica San Marino – Credits: Simone Maria Fiorani Foto ufficio stampa Repubblica San Marino – Credits: Simone Maria Fiorani
GD - San Marino, 16 nov. 23 - Nella Repubblica di San Marino è cominciata la conferenza internazionale UNWTO “Tourism for All” alla presenza del ministro Daniela Santanchè e dei viceministri del Turismo di Korea, Arabia Saudita e Repubblica Ceca
Con un’altissima affluenza e una serie di prestigiosi panel, al Centro Congressi Kursaal della Repubblica di San Marino, è decollata la conferenza dell’Organizzazione Mondiale del Turismo delle Nazioni Unite UNWTO: “Tourism for All – Advancing accessibility for destinations, companies and people”. Autorità politiche e tecniche per promuovere il “turismo per tutti” e confrontarsi su ciò che il mondo del turismo deve fare per garantire alle persone con disabilità il diritto a viaggiare senza problemi.
La giornata di lavori si è aperta con i saluti del segretario di Stato per il Turismo, Federico Pedini Amati, e del ministro del Turismo Daniela Santanchè, co-organizzatori dell’evento insieme all’Organizzazione Mondiale del Turismo, rappresentata dal direttore esecutivo Zoritsa Urosevic. Particolarmente apprezzate e sentite le testimonianze di Martyn Sibley, co-fondatore e CEO di Purple Goat Agency e Disability Horizons, e di Andrea Zavoli, professore sammarinese fondatore della onlus Vento in Faccia.
Si è svolta una tavola rotonda ministeriale sul tema “Come può la leadership strategica promuovere risultati concreti in materia di accessibilità?” con il segretario di Stato Federico Pedini Amati; Celso Sabino de Oliveira, ministro del Turismo del Brasile; Mi-ran Jang, viceministro della Cultura, Sport e Turismo della Repubblica di Korea; Jan Fluxa, viceministro dello Sviluppo della Repubblica Ceca; Umid Shadiev, direttore del Comitato per il Turismo dell’Uzbekistan; Peleg Lewi, ambasciatore e advisor del ministero degli Esteri e del Turismo di Israele; Valentina Superti, direttore del Turismo alla Commissione Europea.
Tra gli ospiti anche la principessa Haifa bint Muhammad Al Saud, viceministro del Turismo dell'Arabia Saudita che ha pure incontrato in un “meeting bilaterale” il segretario di Stato Pedini Amati e il suo staff.
Jesús Hernández Galán, direttore del Centro Risorse UE sull’accessibilità-AccessibleEU, e Igor Stefanovic, coordinatore tecnico del Dipartimento di Etica, Cultura e Responsabilità Sociale dell’UNWTO hanno parlato di standard internazionali di accessibilità come strumenti di orientamento
Ci sono stati pure due panel tecnici: il primo su trasporti, mobilità e infrastrutture, design, abbattimento delle barriere architettoniche; il secondo sulla garanzia di accesso universale al patrimonio culturale e alle aree naturali protette.
Ospiti politici, istituzionali e speakers sono stati ricevuti, in serata, in udienza dai Capitani Reggenti, Filippo Tamagnini e Gaetano Troina, che in precedenza avevano assistito alla cerimonia d’apertura del summit.
Domani si terrà la seconda giornata di lavori al termine della quale sarà presentato il “San Marino Action Plan”, un documento che detta le linee guida per lo sviluppo di un turismo accessibile e sostenibile in linea con gli obiettivi dell’Agenda 2030 delle Nazioni Unite e rispettoso delle persone con disabilità.
Da parte sua Federico Pedini Amati, segretario di Stato per il Turismo della Repubblica di San Marino, ha sottolineato che “il diritto al turismo è un diritto dell’uomo e come sancisce il Codice Mondiale dell’Etica del Turismo adottato da UNWTO e riconosciuto dalle Nazioni Unite il diritto dell’uomo a viaggiare per turismo non deve avere ostacoli. Sono orgoglioso che certi messaggi partano da San Marino, la Repubblica più antica del mondo, da sempre meta di milioni e milioni di visitatori di ogni nazionalità. UNWTO ancora una volta, a distanza di nove anni ha scelto San Marino per parlare di queste tematiche, una scelta che ci spinge a candidarci quale hub internazionale dove discutere tematiche legate all’accessibilità universale del turismo”.
Il ministro italiano del Turismo, Daniela Santanchè, ha affernato: “L’accessibilità universale e la progettazione inclusiva devono essere i principali approcci utilizzati per ideare, programmare e realizzare interventi che coinvolgono persone, attività, servizi, eventi e il territorio nel suo complesso. Questo rappresenta un principio fondamentale per garantire il diritto di tutti a una vita piena e partecipativa nella propria comunità, ed è un investimento cruciale sia per enti pubblici che privati. Il modello che stiamo cercando di costruire, in termini dicasteriali e di governo, non è solamente erogare dei servizi e migliorarli costantemente, ma in primis cercare di costruire percorsi personali che ruotino attorno ai bisogni e alle caratteristiche specifiche della persona”.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie