21 Luglio 2024
[Testata sito web Giornale Diplomatico]
News

Romania: ambasciata e IIC, mostra "Ileana Sonnabend&Arte Povera"

11-06-2024 17:21 - Arte, cultura, turismo
Ileana Sonnabend Ileana Sonnabend
GD - Bucarest, 11 mag. 24 - Con la mostra "Ileana Sonnabend & Arte Povera" (26 giugno–22 settembre), il MNAR-Muzeul Național de Artă al României in collaborazione con l'Ambasciata d'Italia in Romania, l'Istituto Italiano di Cultura a Bucarest e Antonio Homem della Sonnabend Collection Foundation, rende omaggio alla vita e all'opera della gallerista di origine romena Ileana Sonnabend, nata il 25 ottobre 1914 a Bucarest, in una delle famiglie più agiate dell'alta borghesia ebraica della città, gli Schapira, e scompare a New York il 21 ottobre 2007.
Aperta fin da piccola all'arte e alla cultura, conosce a Bucarest Leo Castelli, uno dei più importanti promotori della pop art americana, che sposa nel 1933. I due partono per New York alla vigilia dello scoppio della Seconda Guerra Mondiale, dove fondano una galleria d'arte che diventerà una delle più importanti per la diffusione dell'arte americana a metà del XX secolo. Ileana torna in Europa con il secondo marito, Michael Sonnabend, prima a Roma e poi a Parigi. Queste esperienze segnano il percorso che farà di Ileana Sonnabend un'esponente di spicco dell'arte del XX secolo, promuovendo un dialogo tra l'arte americana e quella europea attraverso l'attività della galleria d'arte che apre a Parigi nel 1962 con Michael Sonnabend e successivamente anche a New York.
Negli anni Sessanta, oltre a sostenere artisti americani come Jim Dine, Jasper Johns, Roy Lichtenstein, Claes Oldenburg, Robert Rauschenberg, Andy Warhol, Ileana Sonnabend ebbe profondi e continuativi rapporti con l'Italia, prestando una specifica attenzione nei confronti dell'Arte Povera, che - teorizzata nel 1967 dal critico Germano Celant - è ancora oggi il movimento artistico italiano più noto al mondo.
Al fine di sottolineare questa sua lungimiranza e apertura verso l'arte italiana, la mostra al MNAR si concentra sul rapporto della gallerista con gli artisti dell'Arte Povera da lei seguiti: Michelangelo Pistoletto, Gilberto Zorio, Mario Merz, Giovanni Anselmo, Pier Paolo Calzolari, Giulio Paolini, Jannis Kounellis. Come premessa al focus sull'Arte Povera, la mostra accoglie altresì un omaggio a Mario Schifano in quanto primo artista italiano che Ileana Sonnabend espose, che segna dunque l'inizio del profondo legame tra la galleria Sonnabend e l'arte italiana sviluppato dalla seconda metà degli anni Sessanta.
La mostra non è soltanto la prima che la Romania dedica alla gallerista romena, ma anche la prima a lei dedicata nel mondo non basata sulle opere attualmente appartenenti alla sua collezione, la Sonnabend Collection. Al fine di differenziarsi dai precedenti progetti espositivi e di sottolineare l'ancora forte legame tra la storia di Ileana Sonnabend e l'Italia tramite l'Arte Povera, la mostra al MNAR include opere ancora oggi di proprietà degli artisti o dei loro eredi, nonché di musei, fondazioni, collezionisti privati, galleristi italiani, esposte dalla gallerista in occasione di mostre presso la sua galleria oppure da lei organizzate altrove.
Le opere incluse, per lo più realizzate tra i primi anni Sessanta e i primi anni Settanta, sono ormai divenute icone della storia dell'arte. Tra queste, si menzionano i quadri specchianti Due uomini in camicie (1963) e Ragazza che cammina (1966) di Pistoletto, Torsione (1968) di Anselmo fino all'Apoteosi di Omero (1970-71) di Paolini.
Anticipa la visione delle opere un approfondimento cronologico, testuale e fotografico, su Ileana Sonnabend e un secondo approfondimento, testuale e fotografico, sul suo rapporto con gli artisti dell'Arte Povera.
La mostra si conclude con un documentario video sulla gallerista e l'arte italiana, realizzato per l'occasione da 3D Produzioni e destinato in seguito ad essere trasmesso dalla televisione italiana.
Questa esposizione ha una notevole rilevanza sia per l'Italia, poiché permette di far meglio conoscere all'estero l'arte italiana, sia soprattutto per la Romania in quanto è la prima volta che il leggendario lavoro di Ileana Sonnabend viene presentato nel suo Paese d'origine.
La curatrice della mostra è Ilaria Bernardi, storica dell'arte contemporanea specializzata nell'arte italiana del dopoguerra, con particolare attenzione agli artisti dell'Arte Povera, ricerca a cui ha anche dedicato un importante mostra al Wits Art Museum, a Johannesburg, nell'ottobre 2023. Ha collaborato, tra gli altri, con Germano Celant, teorizzatore dell'Arte Povera, e con Carolyn Christov Bakargiev. Ha curato mostre per istituzioni pubbliche organizzate in importanti spazi espositivi in Italia e all'estero, tra cui: a Roma, Galleria Nazionale d'Arte Moderna e Contemporanea, Palazzo delle Esposizioni, MAXXI; in Lombardia, Triennale di Milano; Villa e Collezione Panza, Varese; negli Stati Uniti, Magazzino Italian Art, Cold Spring (NY), ArtOmi (Gent, NY); Sudafrica, Keyes Art Mile e Wits Art Museum, Johannesburg; 6 Spin Street, Cape Town.
“Lo sguardo di Ileana Sonnabend è stato capace di percepire l'essenza creativa delle ricerche artistiche europee e americane della seconda metà del Novecento, individuando artisti e opere che hanno inciso profondamente nella storia dell'arte internazionale. Tra questi ci sono sicuramente gli artisti italiani da lei supportati; in particolare, quelli dell'Arte Povera di cui ha capito subito la potenza del loro linguaggio e di conseguenza l'esportabilità delle loro opere nel contesto europeo e statunitense. La mostra a Bucarest desidera rendere omaggio a quel suo sguardo così efficace ma anche all'importanza dell'Arte Povera nel contesto internazionale dell'arte”, come ha detto Ilaria Bernardi, curatrice della mostra.
“Proponiamo al pubblico romeno questa mostra dedicata a Ilena Sonnabend, la prima organizzata in uno spazio museale dopo quella al MOMA di New York, che è estremamente rilevante, attraverso il materiale documentario e le eccezionali opere d'arte incluse, per il ruolo che ha giocato a consacrare l'arte d'avanguardia della seconda parte del Novecento. Questa mostra fa parte degli sforzi che il MNAR sta compiendo quest'anno per includere nel suo programma espositivo progetti realizzati in collaborazione con partner stranieri”, ha affermato Călin Stegerean, direttore generale del MNAR.
Oltre a tutti gli artisti, i loro archivi e i prestatori delle opere, si ringrazia Antonio Homem, erede di Ileana e Michael Sonnabend, per l'indispensabile aiuto nell'elaborazione di questo progetto e nelle ricerche necessarie per realizzarlo.
La vita nell'arte di Ileana Schapira ha inizio nel 1935, quando si trasferisce a Parigi con il marito triestino Leo Castelli (Trieste, 4 settembre 1907 – New York, 21 agosto 1999), il quale, nella capitale francese, apre una galleria grazie all'aiuto finanziario del padre della moglie, un industriale romeno. Al momento della dichiarazione di guerra i due coniugi si trasferiscono a New York, dove nel 1957 Leo Castelli apre una sua galleria, mentre la moglie inizia a interessarsi e a collezionare le opere degli artisti seguiti dal marito, prevalentemente esponenti della neo-avanguardia statunitense.
Dopo aver divorziato da Castelli ed essersi risposata con Michael Sonnabend, da cui prende il cognome, nei primissimi anni Sessanta si trasferisce a Roma con il nuovo marito, amante di Dante e Michelangelo e appassionato mentore di giovani artisti americani. Assieme iniziano a mostrare ai mercanti e ai critici italiani la documentazione sugli artisti della Pop Art americana entrati a far parte della loro collezione, ma riscontrano molte difficoltà.
Nel 1962 decidono allora di aprire a Parigi la prima galleria, col nome Ileana Sonnabend, con l'intento di mettere in dialogo l'arte americana con quella europea, dimostrandone l'affinità.
È però con l'Italia che i rapporti iniziano a rivelarsi i più fruttuosi, in quanto parallelamente è proprio l'Italia a divenire la culla di due importanti risposte sia alla Pop Art sia alla Minimal Art degli Stati Uniti, grazie alla nascita prima della Pop Art italiana e poi dell'Arte Povera.
Per questa ragione, nel 1963 la Galleria Sonnabend dedica una personale a Mario Schifano e include nella collettiva Dessins Michelangelo Pistoletto, a cui poi dedicherà una personale nel 1967, anno anche della personale di un altro artista italiano, Piero Gilardi. Nella seconda metà degli anni Sessanta stringe inoltre forti rapporti con il gallerista italiano Gian Enzo Sperone e con il critico Germano Celant, che proprio nella galleria torinese di Sperone trova un alleato per promuovere gli artisti del movimento dell'Arte Povera, da Celant stesso teorizzato nel 1967. Dall'intenso rapporto di Ileana Sonnabend con Sperone e Celant derivano nel 1969 le personali di Gilberto Zorio, Mario Merz, Giovanni Anselmo.
Sebbene la sede di Parigi rimanga attiva fino al 1980, Ileana Sonnabend e il marito nel 1970 aprono una seconda sede a New York. Nel 1970 vi si tengono le personali di Giorgio Griffa, Mario Merz, Pier Paolo Calzolari; nel 1971 di Pier Paolo Calzolari e Mario Merz; nel 1972 di Piero Manzoni, Giulio Paolini e Jannis Kounellis.
Nel 1972 Ileana Sonnabend dà avvio a Sonnabend Press, affidandone la direzione proprio a Germano Celant. Da qui le numerose monografie dedicate agli artisti dell'Arte Povera, edite da Sonnabend Press.
Oltre a ulteriori personali degli artisti italiani già citati, nel 1975 Vincenzo Agnetti e nel 1976 Luigi Ontani fanno il loro ingresso nella Galleria Sonnabend. Ma, tra tutti, è con Kounellis che Ileana Sonnabend stringerà il più assiduo rapporto, fatto di ben altre sette mostre personali fino al 1987.
Alla fine degli anni Novanta la Galleria Sonnabend si trasferisce a Chelsea e rimarrà attiva per alcuni anni anche dopo la morte della sua fondatrice, avvenuta nel 2007.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie