21 Gennaio 2022
[]
News
percorso: Home > News > Economia

In Italia la nuova Autorità Antiriciclaggio Europea?

08-12-2021 18:26 - Economia
On. Adolfo Urso On. Adolfo Urso
Francesca Isgrò Francesca Isgrò
Marco Mottana Marco Mottana
GD – Roma, 8 dic. 21 - “Mi auguro che l'Italia possa rivendicare la sede della nascente Autorità Antiriciclaggio Europea: abbiamo tutti i titoli per farlo, la migliore performance europea”. Lo ha dichiarato il sen. Adolfo Urso, presidente del Copasir, aprendo i lavori del convegno “La trasformazione digitale per un'economia sostenibile”, organizzato a Roma dall'Università Guglielmo Marconi e da CFX Quantum.
“Come emerge dalla stessa attività del Copasir”, ha proseguito Urso, “e dalle cronache di questi giorni sugli hackeraggi e sulle criptovalute, la transizione al digitale riguarda anche e soprattutto il mondo della finanza. Per questo motivo è importante la costituzione di un'Autorità Europea di contrasto all'Antiriciclaggio; il mio auspicio è che possa trovare adeguata sede in Italia”.
Al convegno si è parlato di sostenibilità e di trasformazione digitale, due obiettivi posti dal PNRR Piano Nazionale di Ripresa e Resilienza, che per rilanciare l'economia mette in primo piano lo sviluppo verde e digitale, così come indicato dall'UE.
Dopo le conclusioni non esaltanti del G20 di Roma e la Cop26 di Glasgow, che hanno prodotto promesse e lontani traguardi, dal convegno di UniMarconi e Cfx Quantum sono venute risposte concrete e progettualità in linea con la richiesta di sostenibilità da parte dei giovani ecologisti e gli obiettivi del PNRR.
Una bottiglia computerizzata che pulisce il pianeta mentre si beve acqua; pavimentazioni realizzate interamente con rifiuti derivanti da lavorazioni verdi; fondi comuni che investono in imprese sostenibili. Una start-up, Esg Portal che sta mettendo a disposizione delle aziende italiane una certificazione del rispetto dei criteri Esg, Environmental Social and Governance, per qualificare le grandi e piccole aziende, che saranno facilitate nell'accesso al credito e ai servizi.
L'ENAV Ente Nazionale di Assistenza al Volo, si avvale di tecnologie all'avanguardia per razionalizzare le rotte aeree, che diventeranno più brevi, consentendo rilevanti risparmi di carburante e molti altri progetti di start-up che assecondano la trasformazione digitale in Italia.
“I service provider come ENAV hanno una grande responsabilità”, ha dichiarato Francesca Isgrò, presidente dell'ente, “gestire in modo efficiente lo spazio aereo. A tale proposito è stata l'introdotta la Free Route, che permette a tutti gli aeromobili in sorvolo sopra i 9.000 metri di attraversare i cieli italiani con un percorso diretto”.
“Altra innovazione con impatto ambientale è stato l'A-CDM, un sistema”, ha spiegato Isgrò, “che rende possibile agli aeromobili, prima della fase di decollo, di evitare lunghe attese con motore acceso, con un rilevante risparmio di CO2”.
ENAV si è impegnata inoltre per la riduzione delle emissioni: “Abbiamo lanciato un assessment sul quale stiamo definendo una strategia di utilizzo di energia proveniente da fonti rinnovabili - ha concluso Isgrò - Le nostre emissioni saranno ridotte del 23% nel 2021 dell'80% nel 2022, e la quota restante di emissioni verrà compensata attraverso acquisti di credito di carbonio, finanziando progetti di tutela ambientale”.
Con riferimento al tema della trasformazione digitale, al convegno hanno partecipato società del settore fintech, che hanno sviluppato servizi innovativi con soluzioni basate sull'utilizzo della blockchain per fornire certificazioni, garanzie, risparmio e investimenti, che vengono forniti in forma digitale senza intermediari.
Marco Mottana, amministratore delegato di Cfx Quantum, ha presentato la soluzione innovativa di neo-bank ‘01Quantum': “Un'idea innovativa che abbatterà nuove barriere - ha dichiarato - In questa fase storica di riforme accompagnate dai fondi europei del PNRR la finanza non può sottrarsi alla sfida per una maggiore sostenibilità della crescita. Un primo esempio viene dall'utilizzo di fonti di energia rinnovabili avvicinando i sistemi ad aree con grandi disponibilità di idroelettrico, bilanciando in tal modo il grande consumo di energia da parte dei miners di criptovalute”.

Franco Tallarita


Fonte: Franco Tallarita
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie