25 Ottobre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Economia

IFAD: presidente Houngbo, “fermare impatto del Covid su donne rurali”

15-10-2020 09:21 - Economia
GD - Roma, 15 ott. 20 - “Il nostro approvvigionamento alimentare è a rischio se non iniziamo a dare la priorità alle donne rurali durante questa pandemia”, ha detto Gilbert F.Houngbo, presidente del Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo IFAD delle Nazioni Unite, in un forte appello ai governi a aumentare i loro investimenti nelle donne rurali.
“È inaccettabile che le donne rurali, che svolgono un ruolo così vitale nella crescita del nostro cibo e nella costruzione di economie fiorenti, siano maggiormente a rischio durante la pandemia", ha detto Houngbo in occasione della Giornata internazionale delle donne rurali. "La nostra resilienza globale dipende dal fatto che i governi prestino maggiore attenzione agli impatti socioeconomici sproporzionati sulle donne rurali e intensifichino i loro investimenti per proteggerle".
Ci sono circa 1,7 miliardi di donne e ragazze che vivono nelle zone rurali, che rappresentano più di un quinto dell'intera umanità. Le donne rurali costituiscono il 43 per cento della forza lavoro agricola nei paesi in via di sviluppo e sono responsabili di gran parte della produzione alimentare mondiale. Tuttavia, hanno meno accesso degli uomini a tecnologie, mercati, attività finanziarie e risorse agricole, rendendoli molto più vulnerabili agli impatti di Covid-19.
Le restrizioni alla circolazione hanno limitato la capacità dei produttori rurali di coltivare e vendere i propri prodotti. Le donne delle aree rurali, che sono spesso impiegate in modo informale senza protezione sociale, hanno subito una perdita di posti di lavoro maggiore rispetto agli uomini, registrando anche un aumento del carico di lavoro domestico non retribuito, compresa l'assistenza ai familiari malati e ai bambini non a scuola.
"Le donne rurali, ossia le persone che hanno la maggiore responsabilità di nutrire e crescere la prossima generazione, sono state trascurate durante questa crisi", ha detto Houngbo. "È tempo di elevare l'importante contributo che danno alle loro famiglie, comunità ed economie delle loro nazioni, e garantire che siano sostenute e protette in questo periodo senza precedenti".
Sebbene siano stati compiuti molti progressi nei 25 anni trascorsi dalla dichiarazione e piattaforma d'azione di Pechino, che hanno fornito un quadro per affrontare l'emancipazione femminile, il raggiungimento dell'uguaglianza di genere nelle zone rurali è stato difficile. Le donne di età compresa tra i 25 ei 34 anni hanno ancora il 25% di probabilità in più rispetto agli uomini di vivere in condizioni di estrema povertà.


Fonte: IFAD
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it