27 Gennaio 2021
[]
[]
News
percorso: Home > News > Economia

IFAD contro povertà rurale e fame, a One Planet Summit pressing di Macron

14-01-2021 17:42 - Economia
©Philippe Servent /Présidence de la République
©Philippe Servent /Présidence de la République
GD - Roma, 14 gen. 21 - Nel tentativo di affrontare in modo sostenibile la crescente fame e povertà, aggravate da Covid-19, cambiamento climatico e perdita di biodiversità, il presidente francese Emmanuel Macron ha invitato i leader mondiali a intensificare i loro impegni a sostegno dello sviluppo agricolo a lungo termine.
“Il cambiamento climatico, la biodiversità e il cibo sono tutti correlati. L'agricoltura è fondamentale", ha affermato Macron, che ha annunciato una serie di impegni durante il One Planet Summit, tra cui un aumento del 50% dei fondi al Fondo internazionale per lo sviluppo agricolo (IFAD) per il suo lavoro nel 2022-2024. "Sono convinto che i nostri partner seguiranno questa ambiziosa dinamica", ha detto.
All'inizio della giornata, il presidente Macron ha incontrato gli ambasciatori di buona volontà delle Nazioni Unite dell'IFAD, Idris Elba, attore, regista e filantropo, e Sabrina Dhowre Elba, attrice, modella e attivista, che ha sostenuto maggiori investimenti per le popolazioni rurali, la biodiversità e la lotta al cambiamento climatico .
"Siamo lieti che il presidente Macron si sia unito a molti paesi, compresi quelli africani, che hanno aumentato i loro impegni per l'IFAD, e speriamo che altri leader e paesi seguano il loro esempio", hanno detto Idris e Sabrina Dhowre Elba dopo l'annuncio. “In un momento in cui ogni paese sta attraversando le difficoltà della pandemia, abbiamo bisogno più che mai della visione politica per affrontare le nostre interconnesse emergenze climatiche, sanitarie ed economiche. Investire nell'agricoltura sostenibile e nelle aree rurali non solo crea opportunità economiche per un futuro migliore e più equo, ma può anche aiutare a salvaguardare il nostro pianeta".
"Siamo estremamente grati alla Francia per essersi unita a molti altri paesi nell'intensificare sostanzialmente i loro impegni", ha affermato Gilbert F. Houngbo, Presidente dell'IFAD. "Questo investimento aiuterà a liberare in modo sostenibile milioni di persone più vulnerabili del mondo dal ciclo della fame e della povertà, che è esacerbato da condizioni meteorologiche sempre più imprevedibili. Meno fame, meno povertà e una maggiore resistenza ai cambiamenti climatici significano un mondo più prospero e stabile per tutti".
Tre persone su quattro tra le più povere del mondo vivono nelle zone rurali. La maggior parte di loro lavora nell'agricoltura in piccole fattorie. Sebbene producano il 50% delle calorie alimentari mondiali solo sul 30% dei terreni agricoli globali, molti di loro vivono in povertà e non possono nutrire le proprie famiglie. La fame e la povertà sono in aumento a causa dei conflitti, dei cambiamenti climatici e della pandemia Covid-19.
L'IFAD è uno dei maggiori finanziatori multilaterali mondiali dell'agricoltura e dello sviluppo rurale, attivo nelle aree rurali remote di quasi 100 paesi. Da oltre 40 anni, il suo lavoro ha dimostrato che investire nelle aree rurali promuove la prosperità, la sicurezza alimentare e la resilienza ai cambiamenti meteorologici, ai disastri naturali, agli aumenti dei prezzi e ad altri shock come la pandemia Covid-19 che può successivamente portare a crisi umanitarie. La ricerca mostra anche che la crescita economica in agricoltura è da due a tre volte più efficace nel ridurre la povertà rispetto alla crescita in altri settori.
L'IFAD ha invitato i suoi Stati membri ad aumentare in modo significativo i loro contributi a sostegno del suo dodicesimo rifornimento per fornire un programma di lavoro complessivo di almeno 11 miliardi di dollari dal 2022 al 2024, anche attraverso un nuovo programma di finanziamento del settore privato e un'espansione del suo programma di adattamento ai cambiamenti climatici (ASAP +). Ciò aiuterebbe circa 140 milioni di persone rurali ad aumentare la loro produzione e aumentare i loro redditi attraverso un migliore accesso al mercato, contribuendo alla creazione di posti di lavoro e al miglioramento della sicurezza alimentare e della nutrizione per le persone più vulnerabili del mondo.
La Francia si unisce ad altri 25 paesi che hanno già promesso i loro contributi al rifornimento dell'IFAD, inclusi aumenti da paesi come Burkina Faso, Costa d'Avorio, Finlandia, Gambia, Grecia, Lussemburgo, Mali, São Tomé e Príncipe, Sierra Leone, Svezia e Uganda . Importanti impegni sono stati presi anche da Paesi Bassi e Giappone. Molti altri paesi hanno confermato la loro intenzione di annunciare un aumento dei contributi alla sessione principale di impegno a febbraio.
Il dodicesimo rifornimento dell'IFAD è un processo consultivo della durata di un anno durante il quale gli Stati membri del Fondo si uniscono per concordare direzioni strategiche e mobilitare fondi affinché l'IFAD fornisca prestiti e sovvenzioni agevolate ai paesi in via di sviluppo.


Fonte: IFAD
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it