25 Novembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Economia

IFAD: 2° rating credito aumenterà investimenti contro povertà e fame

19-11-2020 17:57 - Economia
GD - Roma, 19 nov. 20 - La prospettiva di sradicare la fame e la povertà ha ricevuto oggi un impulso poiché l'IFAD Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo delle Nazioni Unite ha ottenuto il suo secondo forte rating di credito pubblico, facilitando il suo accesso a fondi privati ​​per investire nell'aumento della prosperità e dello sviluppo rurale nei Paesi più poveri del mondo.
Il rating AA + è stato annunciato oggi da Standard and Poor’s (S&P) Global Ratings. Ciò completa il rating AA + Fitch ricevuto dall'IFAD il 2 ottobre, quando l'IFAD è diventato il primo fondo del sistema delle Nazioni Unite a ricevere un rating del credito pubblico.
"Con l'aumentare della fame nelle aree rurali, la domanda per i nostri servizi è più grande che mai e dobbiamo ampliare il più possibile la nostra base di investitori", ha affermato Gilbert F. Houngbo, presidente dell'IFAD.
“Con due valutazioni positive, possiamo mobilitare più fondi da vari potenziali investitori a un costo favorevole. E questo significa che possiamo fare di più per aumentare i redditi e l'approvvigionamento alimentare delle popolazioni rurali povere che ne hanno un disperato bisogno. Questo è un prerequisito per costruire stabilità e resilienza globali".
In qualità di organizzazione leader per lo sviluppo globale dedicata esclusivamente all'eliminazione della povertà e della fame nelle aree rurali, l'IFAD svolge un ruolo fondamentale nel raggiungimento degli obiettivi di sviluppo sostenibile (SDG) entro il 2030.
Il recente rapporto Ceres2030 ha rilevato che sono necessari in media altri 14 miliardi di dollari all'anno fino al 2030 per porre fine alla fame e raddoppiare i redditi di 545 milioni di piccoli agricoltori. Ciò significa circa raddoppiare ogni anno l'importo degli aiuti forniti per la sicurezza alimentare e la nutrizione.
L'IFAD ha esplorato nuovi modelli di finanziamento per aiutarlo a raddoppiare il suo impatto sulla riduzione della povertà e della fame entro il 2030 e soddisfare le mutevoli esigenze dei paesi che prendono in prestito in un momento in cui l'Assistenza Ufficiale allo Sviluppo (APS) è sotto forte pressione e gli impatti economici di COVID -19 minacciano di spingere altri milioni di persone rurali verso la fame e la povertà.
I progetti e i programmi sostenuti dall'IFAD sono attualmente finanziati attraverso i contributi dei suoi 177 Stati membri, redditi da investimenti e flussi di ritorno, nonché cofinanziamenti da altre fonti.
"È una nuova era e dobbiamo continuare a spingere i confini del modo in cui finanziamo lo sviluppo", ha detto Houngbo. "Questa seconda valutazione rafforza la valutazione del merito di credito dell'IFAD e ci consente di sviluppare una base di finanziamento diversificata, più ampia e più prevedibile. Sfruttando risorse aggiuntive, possiamo allungare ogni dollaro di denaro dei contribuenti che riceviamo per assicurarci di raggiungere i più poveri tra i poveri".
A causa della pandemia Covid-19, solo nel 2020 potrebbero esserci fino a 132 milioni di persone affamate in più e la povertà estrema sembra destinata ad aumentare per la prima volta da decenni. A soli 10 anni dalla fine del raggiungimento degli SDG, c'è un urgente bisogno di aumentare gli investimenti nelle aree rurali dove vive la maggior parte delle persone estremamente povere e affamate del mondo e dove l'IFAD concentra le sue attività.


Fonte: IFAD
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it