08 Dicembre 2021
[]
News
percorso: Home > News > Economia

IFAD: presidente Houngbo, aiutare piccoli agricoltori contro clima e fame

22-01-2021 14:49 - Economia
Presidente IFAD, Gilbert F. Houngbo - foto IFAD Presidente IFAD, Gilbert F. Houngbo - foto IFAD
GD - Roma, 22 gen. 21 - Aiutare i piccoli agricoltori ad adattarsi ai cambiamenti climatici e ad affrontare l'aumento della fame e delle migrazioni. È il monito del presidente dell'IFAD. Se gli investimenti per aiutare i piccoli agricoltori rurali ad adattarsi ai cambiamenti climatici non aumentano in modo sostanziale, rischiamo la fame diffusa e l'instabilità globale, ha infatti avvertito Gilbert F. Houngbo, presidente dell'IFAD Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo, in vista del vertice della prossima settimana sull'adattamento al clima. Questo fa seguito ad un recente annuncio delle Nazioni Unite secondo cui il 2020 è stato uno degli anni più caldi mai registrati, con aumenti catastrofici della temperatura previsti per questo secolo.
"È inaccettabile che i piccoli agricoltori che coltivano gran parte del cibo del mondo siano lasciati alla mercé di condizioni meteorologiche imprevedibili, con investimenti così bassi per aiutarli ad adattarsi", ha detto Houngbo. “Fanno poco per causare il cambiamento climatico, ma soffrono maggiormente i suoi impatti. I loro fallimenti sempre più comuni nei raccolti e la morte del bestiame mettono a rischio il nostro intero sistema alimentare. È imperativo garantire che rimangano sulla loro terra e producano cibo nutriente in modo sostenibile. In caso contrario, la fame, la povertà e la migrazione diventeranno ancora più diffuse negli anni a venire".
In risposta, Houngbo annuncerà il lancio del Programma di adattamento avanzato per la piccola agricoltura (ASAP +) dell'IFAD al vertice sull'adattamento al clima del 26 gennaio, insieme agli ambasciatori di buona volontà dell'IFAD, Idris e Sabrina Elba, che discuteranno l'argomento con Alexander de Croo, primo ministro del Belgio, e Dag Inge Ulstei, ministro norvegese dello sviluppo internazionale.
Secondo un rapporto pubblicato dall'IFAD alla fine del 2020, solo l'1,7% dei finanziamenti globali per il clima - una frazione di quanto necessario - va ai piccoli agricoltori nei paesi in via di sviluppo, nonostante la loro sproporzionata vulnerabilità agli impatti dei cambiamenti climatici, secondo un rapporto pubblicato dall'IFAD alla fine del 2020.
ASAP + intende cambiare questo. Si prevede che sia il più grande fondo dedicato a canalizzare i finanziamenti per il clima ai piccoli produttori. Mira a mobilitare 500 milioni di dollari per ridurre le minacce del cambiamento climatico alla sicurezza alimentare, ridurre i gas serra e aiutare più di 10 milioni di persone ad adattarsi ai cambiamenti climatici. Austria, Germania, Irlanda e Qatar si sono già impegnati.
ASAP + si concentrerà sui paesi a basso reddito che dipendono maggiormente dall'agricoltura e affrontano le maggiori sfide in termini di insicurezza alimentare, povertà rurale ed esposizione ai cambiamenti climatici. Mira a portare 4 milioni di ettari di terreno degradato a pratiche di resilienza climatica e sequestrare circa 110 milioni di tonnellate di anidride carbonica equivalente in 20 anni. Aiuterà anche i paesi a ottenere i contributi stabiliti a livello nazionale stabiliti dall'accordo di Parigi.
"I piccoli agricoltori nelle aree rurali svolgono un ruolo fondamentale nel garantire sostenibilità, stabilità e sicurezza nel mondo. I finanziamenti per l'adattamento climatico non devono lasciarli indietro", ha affermato Jo Puri, direttore della divisione cambiamento climatico dell'IFAD. "Si tratta dell'appello globale per la riduzione dei gas a effetto serra garantendo nel contempo significativi benefici legati al reddito per gli agricoltori rurali e altre persone vulnerabili".
I sistemi di coltivazione su piccola scala attualmente producono la metà delle calorie alimentari mondiali, ma spesso dipendono interamente dalle risorse naturali, inclusa la pioggia. Di conseguenza, sono a rischio significativo a causa dell'aumento delle temperature, precipitazioni irregolari, infestazioni di parassiti, innalzamento del livello del mare ed eventi estremi come inondazioni, siccità, frane, tifoni e ondate di calore.
Una recente ricerca sostenuta dall'IFAD mostra che la produzione di importanti colture di base come fagioli, mais e manioca potrebbe diminuire dal 50 al 90% entro il 2050 in alcune parti di Angola, Lesotho, Malawi, Mozambico, Ruanda, Uganda, Zambia e Zimbabwe a causa del cambiamento climatico, che comporterebbe un aumento sostanziale della fame e della povertà. Se non cambia nulla, il cambiamento climatico potrebbe spingere più di 140 milioni di persone a migrare entro il 2050. È prevista anche la volatilità dei prezzi, poiché i disastri naturali in una parte del mondo possono far aumentare il prezzo del grano ovunque di oltre il 50%.
ASAP + si basa sul Programma di adattamento per l'agricoltura di piccole dimensioni (ASAP) dell'IFAD che ha già incanalato 300 milioni di dollari a più di 5 milioni di agricoltori in 41 paesi con investimenti nella promozione di tecniche agricole sensibili al clima e soluzioni basate sulla natura, e l'accesso a infrastrutture e tecnologie come irrigazione su piccola scala, sistemi di raccolta dell'acqua piovana, informazioni meteorologiche e colture resistenti alla siccità e alle inondazioni.


Fonte: IFAD
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie