21 Gennaio 2022
[]
News
percorso: Home > News > Economia

Gas azerbaigiano in Italia aumenterà anno dopo anno, parla presidente Ilham Aliyev

20-12-2021 14:41 - Economia
Il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev durante l'intervista a Il Sole 24 Ore Il presidente dell'Azerbaigian Ilham Aliyev durante l'intervista a Il Sole 24 Ore
GD - Roma, 20 dic. 21 - Il presidente dell'Azerbagian, Ilham Aliyev, ha concesso una lunga intervista al quotidiano "Il Sole 24 Ore", presente anche in versione integrale sul sito della presidenza dell’Azerbaigian: http://en.president.az/articles/54679.
Nell'intervista, rilasciata durante la sua visita a Bruxelles, il capo di Stato dell'Azerbaigian ha toccato argomenti quali il fallimento del lungo processo negoziale prima della seconda guerra del Karabakh, le nuove realtà emerse nella regione dopo la conclusione della guerra, la ricostruzione e lo sminamento dei territori liberati dell'Azerbaigian, gli esiti dei colloqui con il Presidente del Consiglio europeo Charles Michel e il Primo ministro armeno Nikol Pashinyan a Bruxelles, il processo di normalizzazione della situazione, inclusa l'apertura delle vie di comunicazione regionali, lo sbilanciamento del pacchetto di aiuti da parte dell'UE, il ruolo dell'Azerbaigian nell'approvvigionamento energetico dell'Europa, con l'entrata in operatività del Trans Adriatic Pipeline (TAP), la partnership strategica con l'Italia, con un'enfasi all'ottima collaborazione nel settore energetico ed economico, incluso il coinvolgimento di aziende italiane nei progetti nei territori liberati, e, per finire, il processo della diversificazione economica del Paese e la strategia dell'Azerbaigian per trasformarsi in un hub mondiale dell'energia e dei trasporti.
In relazione agli eccellenti rapporti con l'Italia, il Presidente ha affermato che: “Sicuramente, l'Italia è uno dei nostri partner più vicini non solo nel continente europeo, ma a livello globale. Le nostre relazioni, penso siano ora ad un livello molto alto e indicatore di ciò è il fatto che abbiamo firmato il documento sulla partnership strategica. L'Italia è uno dei nove membri dell'UE con i quali l'Azerbaigian ha firmato un documento di partenariato strategico. E ci sono state visite ad alto livello dei presidenti e di altre autorità. L'Italia per noi è un partner commerciale principale e ora, dopo l'operatività del gasdotto Trans-Adriatico, l'Azerbaigian è diventato un importante fornitore per l'Italia e il volume di gas azerbaigiano nei consumi italiani è in crescita e aumenterà anno dopo anno. Allo stesso tempo, come Paese amico, l'Italia è stata tra i primi Paesi che abbiamo invitato a lavorare sui territori liberati. La prima è stata la Turchia, la seconda l'Italia. E posso dirvi che ora ci sono molti progetti che le aziende italiane stanno realizzando lì. Abbiamo invitato gli architetti italiani a rinnovare i nostri monumenti storici e le moschee a Shusha e questo è un gesto molto simbolico. Perché Shusha è un luogo sacro per noi. È la capitale culturale dell'Azerbaigian e il sito religioso è sacro per tutti. Quindi, è un livello di fiducia molto alto. Proprio di recente, quando ero in visita a Shusha, ho incontrato rappresentanti italiani che mi hanno dimostrato come intendono continuare. Un'azienda italiana è ora impegnata nella costruzione del Museo della Vittoria a Baku. È un altro gesto simbolico, perché possiamo immaginare questa vittoria storica. Significa molto per noi. Abbiamo invitato le aziende italiane volutamente per dimostrare la nostra partnership e conoscendo l'alto livello di prestazioni, l'alto livello di gusto e le relazioni amichevoli tra di noi. Posso citare molti altri progetti di costruzione nei territori liberati e in altre parti dell'Azerbaigian dove le imprese italiane sono molto attive. Posso dirvi che durante la visita del Presidente Mattarella in Azerbaigian abbiamo inaugurato insieme l'impianto petrolchimico, che è stato realizzato da un'azienda italiana. Ora le stesse aziende stanno lavorando attivamente alla ricostruzione della nostra raffineria. È un progetto multimiliardario. È l'industria, la petrolchimica, l'edilizia, l'architettura, la ristrutturazione, un'ampia gamma di questioni. Quindi, ancora una volta questa è una dimostrazione della nostra amicizia e della nostra collaborazione”.
Sul crescente ruolo dell'Azerbaigian come fornitore di energia per l'Europa, il Presidente ha specificato: “La nostra strategia sul gas era molto chiara e aperta. E per molti anni abbiamo fatto molto in Azerbaigian e abbiamo lavorato con i partner per costruire questo importante progetto, che è considerato uno dei più grandi progetti infrastrutturali del 21° secolo. Il Corridoio Meridionale del Gas prevede 3.500 km da Baku all'Italia, passando sotto il mare Adriatico e per le alte montagne.
È un progetto molto complicato dal punto di vista tecnico e ovviamente molto costoso. L'Azerbaigian ha sostenuto il principale onere finanziario in tutti e quattro i segmenti del Corridoio Meridionale del Gas. E prima del completamento totale del progetto, lo scorso dicembre, abbiamo già firmato accordi con i consumatori e il nostro gas è stato contrattato. Durante questa cosiddetta crisi del gas - il problema con i prezzi, i nostri consumatori non hanno avvertito alcun cambiamento. Se parliamo dei nostri piani futuri, ovviamente c'è la possibilità di aumentare la produzione e aumentare l'esportazione. Ma ciò dipenderà, ovviamente, dalla domanda dei consumatori europei. La Commissione europea ci stava assistendo in questo processo. Convochiamo regolarmente a Baku il Consiglio consultivo del corridoio meridionale del gas, presieduto da rappresentanti dell'Unione europea e dell'Azerbaigian. E la prossima sessione avrà luogo il prossimo febbraio, dove affronteremo tutte le questioni e pianificheremo i nostri passi futuri. È un grande gruppo di aziende, banche e paesi. Ora il team sta crescendo perché siamo diventati già fornitori per l'Europa. Dal 1° gennaio abbiamo fornito 7,2 miliardi di metri cubi di gas a Italia, Grecia e Bulgaria, l'anno prossimo saranno 9, nel 2023 almeno 11. Quindi, è un aumento serio. Ma per aumentare la produzione abbiamo bisogno, ovviamente, di investire e per farlo abbiamo bisogno di contratti con i consumatori. Quindi prima i contratti, poi gli investimenti e poi il gas. Questa è la sequenza delle fasi del processo. Ma siamo pronti. Abbiamo depositi futuri, infrastrutture moderne e nuove di zecca, con potenziali interconnessioni per altre destinazioni in Europa. Ai Balcani aggiungerei anche l'Europa centrale. E questa sarà la diversificazione delle forniture per noi e la diversificazione per i consumatori”

Fonte: Il Sole 24 Ore
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie