02 Agosto 2021
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Firmato accordo Focus-Ambasciata UK per Quartieri Spagnoli Napoli

22-07-2021 15:58 - Ambasciate
GD - Napoli, 21 luglio 2021 – Dopo la SPAGNA anche il Regno U ito si interessa al rilancio dei Quartieri Spagnoli di Napoli. È stato infatti firmato, nella sede della Fondazione di via Portacarrese a Monte Calvario di Napoli, l’accordo di collaborazione culturale e sociale tra l’ambasciata britannica in Italia e FOQUS, la Fondazione che dal 2013 opera per lo sviluppo dei Quartieri Spagnoli.
L’accordo inaugura l’impegno delle due organizzazioni a lavorare insieme per sviluppare, condividere e trasferire tra Napoli e le città del Regno Unito (sarà Glasgow la prima) le migliori pratiche e progetti innovativi, sostenibili, di inclusione sociale e di rigenerazione urbana. L’accordo pluriennale prevede anche la promozione della cultura, dell’arte e delle industrie creative favorendo, laddove possibile, anche scambi di natura artistica tra il Regno Unito e l'Italia.
La sigla dell’accordo da parte di Rachele Furfaro, presidente di FOQUS, e Jill Morris, ambasciatore britannico in Italia, si è tenuta nella sede di FOQUS, nell’ambito di una giornata che vede la partecipazione, tra gli altri, del Ministro per l’Ambiente britannico Lord Goldsmith e il Ministro per il Sud e la Coesione Territoriale, Mara Carfagna.
“La sigla dell’accordo tra FOQUS e l’Ambasciata del Regno Unito in Italia”, ha affermato Carfagna, “è una straordinaria opportunità e mi riempie d’orgoglio che questa importante collaborazione parta da Napoli e dai Quartieri Spagnoli. Realtà come FOQUS vanno sostenute e incoraggiate: investendo in formazione, cultura, integrazione è possibile creare un circolo virtuoso che migliora il contesto sociale, dà lavoro e toglie linfa alla criminalità. Ringrazio l’Ambasciatore Jill Morris per il suo impegno e per la grande sensibilità per le tematiche sociali e culturali. Sono iniziative come questa che confermano come la collaborazione tra Italia e Regno Unito, nonostante la Brexit, abbia ancora grandi margini di sviluppo, a beneficio dei rispettivi popoli”.
L’accordo da un lato sancisce il riconoscimento, da parte della rappresentanza istituzionale del Regno Unito, del valore dell’ampio programma di rigenerazione urbana a carattere educativo portata avanti dal 2013 nei Quartieri Spagnoli da FOQUS e dalle cooperative, associazioni e gli enti che vi partecipano; dall’altro certifica il passaggio di scala di esperienze e problematiche urbane da una dimensione prettamente locale, a una più ampia dimensione internazionale.
“In questi anni”, ha commentato Rachele Furfaro, presidente della Fondazione FOQUS, “abbiamo avuto diverse occasioni per incontrare e confrontarci con istituzioni, enti, esperienze britanniche impegnate come la nostra Fondazione sui temi dello sviluppo e dell’innovazione sociale. L’Accordo che oggi sigliamo con l’Ambasciata consente a FOQUS di dialogare e costruire nuove progettualità con i più interessanti progetti di rigenerazione sociale, produttiva e urbana del Regno Unito, permettendoci di arricchire professionalità, relazioni, reti collaborative. Questa iniziativa si muove nella consapevolezza di quanto oramai problematiche, questioni, fragilità sociali di città e quartieri europei siano tra loro sempre più simili e, di conseguenza, i programmi e i progetti più incisivi e innovativi siano da condividere, mettendo in campo una rete internazionale di competenze ed esperienze sul campo”.
“I nostri Paesi”, ha sottolineato l’ambasciatore Jill Morris, “hanno una responsabilità in più nell’impegno post-pandemia di ricostruire meglio, o build back better: le nostre presidenze parallele di G7 e G20 e quella congiunta di COP26 , la Conferenza delle Nazioni Unite sul Clima che si terra a Glasgow a novembre, rappresentano un’occasione più unica che rara per spingere l’intera comunità internazionale a puntare al conseguimento di obiettivi molto ambiziosi per preservare il nostro pianeta”.
L’amb. Morris ha proseguito dicendo: “sono molto felice di avere FOQUS come partner in questo ambito: una fondazione come questa merita tutto il nostro sostegno. Sono sicura del successo della collaborazione che inauguriamo stasera, i cui ottimi frutti raccoglieremo e festeggeremo insieme, ponendo piccoli, ma fondamentali mattoni alla base della costruzione di società più eque, sostenibili e prospere”.
L’accordo prevede un intenso interscambio attivo e reciproco di esperienze tra programmi di riqualificazione urbana di città del Regno Unito e il programma applicato nei Quartieri Spagnoli. Tra le prime attività che prenderanno avvio in questi giorni, si segnalano:
● “After the Pandemic” - FOQUS sarà riconosciuta come “Naples sister site” del progetto “The Lateral North” per Greater Pollock (il grande quartiere scozzese di Glasgow, che ha sofferto imponenti dismissioni industriali, dove sarà riqualificata un’area verde seguendo metodologie partecipative e collaborative)
https://afterthepandemic.scot/greater-pollok-design-school/
● “Walking Forest” – una delegazione di donne di Napoli, coordinate da FOQUS, sarà coinvolta direttamente a settembre, a Coventry, nell’ambito del programma City of Culture (Coventry è capitale della cultura del Regno Unito 2021) in un evento di promozione della rete internazionale femminile che da Coventry sta toccando molte città, per connettere, studiare, promuovere le forme dell’attivismo femminile
https://www.walkingforest.co.uk/events
● “Eden Project North, UK”, Morecambe – collaborazione e scambi con il complesso dell’Inghilterra del Nord che sta ridisegnando per il nuovo secolo la destinazione e l’identità di un luogo che fu famoso per il turismo e ora si rigenera su basi educative, ambientali, di comunità.
https://www.edenproject.com/new-edens/eden-project-north-uk
● Il Padiglione britannico attualmente allestito alla Biennale di Venezia 2021:“The Garden of Privatised Delights”, incentrato su tematiche di rigenerazione urbana e uso degli spazi verdi nei processi di inclusione sociale, curato da Manijeh Verghese, Madeleine Kessler, Unscene Architecture, col quale saranno organizzate attivitá congiunte, comprese visite guidate dedicate a studenti di FOQUS (nel corso della serata sarà proiettato il filmato del Padiglione).
L’accordo tra FOQUS e l’Ambasciata del Regno Unito in Italia prevede il coinvolgimento anche dei tradizionali partner istituzionali britannici di azione all’estero: British Council e British School at Rome si impegnano a promuovere periodicamente riunioni, tavoli di discussione e scambi di esperienze in ambito culturale e educativo, che favoriscano anche la partecipazione di cittadini e associazioni, in quanto rappresentanti della societá civile (people-to-people) e soprattutto dei giovani: l’Accordo raccomanda che ogni progetto futuro preveda una sezione dedicata alle nuove generazioni, in un’ottica di sviluppo e consolidamento delle politiche giovanili.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it