05 Ottobre 2022
[Testata sito web Giornale Diplomatico]
News
percorso: Home > News > Economia

Finnair: verso centenario con nuova strategia contro grande turbolenza

25-08-2022 22:32 - Economia
Mikko Turtiainen, vice presidente, responsabile del settore vendite globali di Finnair Mikko Turtiainen, vice presidente, responsabile del settore vendite globali di Finnair
Mikko Turtiainen, vice presidente, responsabile del settore vendite globali di Finnair Mikko Turtiainen, vice presidente, responsabile del settore vendite globali di Finnair
GD - Helsinki, 25 ago. 22 – La sede centrale della compagnia aerea Finnair è vicino ad Aviapolis, alla periferia di Helsinki, area dedicata alle strutture aeroportuali più importanti della Finlandia. La società aerea finlandese, la sesta tra le più longeve in attività al mondo, si avvicina alla celebrazione del proprio primo centenario di vita, nel 2023, una vigilia non molto rilassante tra guerre ed epidemie che hanno lasciato il segno anche su questa media ma solida azienda aerea, che porta nei cieli del mondo i colori bianco e blu del piccolo Paese nordico. Il quotidiano GIORNALE DIPLOMATICO ha fatto il punto sulle prospettive di Finnair con Mikko Turtiainen, vice presidente, responsabile del settore vendite globali.
D.: Come vi state preparando per il vostro centenario?
Turtiainen: «Come per un traguardo ed una ripartenza speriamo di voltare una pagina per noi storica con ottimismo su progetti ed iniziative. Il 2023 sarà un anno speciale che celebreremo con uno sguardo al passato, ma anche con rinnovata energia verso il futuro. Stiamo attraversando il periodo più turbolento per il nostro settore. Il centenario ci stimola ad andare avanti: questo compleanno cade nel novembre 2023, ma stiamo predisponendo iniziative per tutto l'anno».
D.: In questa situazione di guerra e pandemia come state reagendo in termini operativi?
Turtiainen: «Stiamo adattando con flessibilità la nostra strategia operativa a situazioni di grande incertezza, come restrizioni, sanzioni, chiusura di spazi aerei, ecc. Abbiamo limitato i nostri collegamenti verso l'Asia, resi più lunghi dal blocco dello spazio aereo russo, pur incrementando voli per l'India, a Mumbai da agosto, per esempio. Stiamo razionalizzando la flotta ed abbiamo completato il programma di riduzione costi per 200 milioni di euro. In merito alla struttura della nostra flotta, stiamo migliorando la comodità ed efficienza degli aerei per il lungo raggio anche avendo ridisegnato una business class apprezzata per qualità da clientela ed esperti. Il mercato asiatico resta fondamentale per Finnair, con Tokyo, Chennai, Seoul, Singapore, Hong Kong, Bangkok. Ma abbiamo incrementato i voli per gli USA. A causa del blocco sullo spazio aereo russo, i tempi di volo per l'Asia sono aumentati dal 10 al 40%, ma abbiamo compensato ponendo l'accento su miglioramenti dei servizi di bordo. Cina, Giappone, Corea sono mercati chiave verso i quali anche il traffico merci è rilevante, essendo cresciuto nei volumi proprio negli anni della pandemia ed apportando un contributo in termini di ricavi finanziari non indifferente. Sugli USA l'incremento dei voli ha fatto registrare anche nuove destinazioni, come Seattle, e confermato New York City, Miami, Los Angeles, Chicago».
D.: Come vi state muovendo sul fronte dell'incremento della spesa per i clienti?
Turtiainen: «L'aumento dell'inflazione influisce sul comportamento della clientela, specie quella che vola per le vacanze. I costi in ascesa del carburante sono evidenti ovunque, ma abbiamo scelto di non imporre sovraprezzi carburante e cerchiamo soluzioni pragmatiche per non penalizzare troppo i viaggiatori».
D.: Su quali soluzioni vi orientate?
Turtiainen: «La Finnair ha nel suo DNA la questione della sostenibilità ambientale riferita ai carburanti. Recentemente abbiamo siglato un contratto con una società americana per la fornitura di speciali carburanti più sostenibili. Ma non trascuriamo soluzioni minori per risparmiare carburante e quindi i costi: modalità di allestimento interno degli aerei, distribuzione dei pesi, struttura delle ali, ad esempio. Abbiamo l'ambizioso obiettivo strategico di raggiungere la neutralità Carbone Zero entro il 2045».
D.: Qual è la collaborazione con altre compagnie aere
e?
Turtiainen: «Continuiamo a sviluppare nostre intese con compagnie come Aer Lingus, American Airlines ed anche con Alaska Airlines, su collegamenti con la costa occidentale USA. Si tratta di partnerships solide e costanti».
D.: Quando prevedete di poter ritornare alla situazione finanziaria pre-crisi?
Turtiainen: «in base ai risultati di bilancio di metà anno si prevede un terzo anno di perdite; la redditività è stata ridotta dalla crescita dei prezzi dei carburanti e dagli effetti del conflitto in Ucraina. Nel trimestre aprile-giugno le perdite operative si sono attestate su 84 milioni di euro, in calo rispetto ai 151 milioni di euro dello stesso periodo del 2021. Il balzo del costo carburante ha causato costi aggiuntivi pari a circa 126 milioni di euro. Tuttavia, la domanda si è quasi stabilizzata per Europa ed USA per cui per fine estate i voli dovrebbero coprire una capacità al 70% rispetto ai livelli pre-pandemia».
D.: Come affrontate la chiusura del mercato russo?
Turtiainen: «I nostri clienti provengono da molte nazioni, quindi la quota di russi non è fondamentale essendo il mix molto equilibrato e non dipende da una nazione specifica».
D.: Qual è la sua opinione sul mercato italiano?
Turtiainen: «L'Italia occupa sempre un posto centrale nel cuore dei finlandesi e ciò si rispecchia nella buona gamma di destinazioni offerte: Roma, Milano, ma anche Napoli, Verona, Catania, Venezia, tra collegamenti annuali e stagionali. Pure i visitatori italiani dimostrano un crescente interesse per la Finlandia e la Lapponia in particolare, attratti da quest'ultima per le sue unicità naturali e paesaggistiche. Per chi arriva dall'Italia ad Helsinki la Lapponia è facilmente accessibile con voli frequenti e su vari aeroporti del Nord, come Rovaniemi, Kittilä, Ivalo. L'Italia rimane un mercato sempre degno di cura ed attenzione».

Gianfranco Nitti

Fonte: Gianfranco Nitti
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie