21 Gennaio 2022
[]
News
percorso: Home > News > Persone

Esperta diplomatica finlandese nuova vice presidente di IFAD

28-11-2021 20:28 - Persone
Satu Santala Satu Santala
GD – Roma, 28 nov. 21 - La diplomatica finlandese Satu Santala, direttore generale del Dipartimento per la Politica di Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri del suo Paese, è stata nominata Vicepresidente Associato dell'IFAD Fondo Internazionale per lo Sviluppo Agricolo, agenzia specializzata delle Nazioni Unite che ha sede a Roma.
Nel suo nuovo ruolo, Satu Santala guiderà il dipartimento per le relazioni esterne e la gestione dell'IFAD; l'inizio del suo mandato presso la sede dell'organizzazione è prevosto a decorrere da dicembre 2021.
L'IFAD è un'istituzione finanziaria internazionale per lo sviluppo ed una delle agenzie specializzate delle Nazioni Unite. È uno dei maggiori finanziatori al mondo per l'agricoltura e lo sviluppo rurale nei paesi più poveri; l'organizzazione promuove la sicurezza alimentare e la nutrizione e lavora per ridurre la povertà rurale nei paesi in via di sviluppo.
“L'IFAD lavora per migliorare la sicurezza alimentare e i mezzi di sussistenza delle persone più vulnerabili, il che è rilevante per me. Dal punto di vista della sicurezza alimentare, i cambiamenti climatici, la perdita di biodiversità e la pandemia di Covid-19 sono tutti grandi problemi. Il cibo unisce tutti gli abitanti del pianeta", ha affermato Satu Santala.
Santala è entrata a far parte del Ministero degli Affari Esteri finlandese nel 1996. Nel 2013-2016 ha fatto parte del Consiglio di amministrazione della Banca mondiale a Washington DC; negli ultimi cinque anni è stata Direttore Generale del Dipartimento per le Politiche di Sviluppo del Ministero degli Affari Esteri finlandese.
“Il mio obiettivo è rafforzare la base di finanziamento dell'IFAD. Cercherò varie collaborazioni per migliorare i mezzi di sussistenza dei contadini poveri e, d'altra lato, per far progredire la sicurezza alimentare nei paesi in via di sviluppo", ha detto ancora Santala.
La Finlandia è sostenitore e partner da lungo termine dell'IFAD. Nel 2020, più di 23 milioni di persone hanno beneficiato dei servizi finanziari dell'IFAD e 3,7 milioni di persone hanno ricevuto una formazione in attività generatrici di reddito o gestione aziendale. Quasi 1,7 milioni di ettari di terreno sono stati sottoposti a pratiche di resilienza climatica.
La Finlandia aderisce all'IFAD dal 1978 e, finora, il suo contributo totale è ammontato a circa 136 milioni di dollari. Con un aumento del 127% rispetto al suo contributo al decimo rifinanziamento delle risorse dell'IFAD (IFAD10), la Finlandia costituisce il 13° principale donatore dell'IFAD11. Questo forte aumento del contributo della Finlandia all'IFAD testimonia il la sua forte sintonia con il mandato del Fondo e la fiducia nel suo impatto per sradicare la povertà rurale. È anche un segno delle innovazioni finlandesi nella sfera del finanziamento sllo sviluppo. In qualità di membro della Consultazione sul Rifinanziamento, la Finlandia ha influenzato le direzioni strategiche dell'IFAD sin dall'istituzione del Fondo. Durante la consultazione per l'IFAD11 nel 2017, la Finlandia ha sostenuto l'introduzione del meccanismo di finanziamento Concessional Partner Loan (CPL) e ha fornito un CPL di 50 milioni di EUR con una quota di sovvenzione pari a20 milioni di EUR. Ciò ha consentito all'IFAD di espandere il proprio programma di prestiti e sovvenzioni fino a 3,5 miliardi di dollari, raggiungendo 130 milioni di poveri rurali, mantenendo l'attenzione sui paesi a basso e medio reddito. La Finlandia sostiene una politica di particolare attenzione e maggiori finanziamenti verso paesi più poveri ed ai paesi in situazioni di fragilità, tenendo così conto delle sfide dell'attuazione di programmi in condizioni difficili.
Gianfranco Nitti


Fonte: Gianfranco Nitti
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie