08 Febbraio 2023
[Testata sito web Giornale Diplomatico]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Colombia e ICCROM rafforzano relazioni per conservazione e restauro beni culturali

26-10-2022 18:54 - Ambasciate
Juan Camilo Saretzki, Ambasciata Colombia, Webber Ndoro, direttore generale ICCROM, Anna E. Zeichner dell'Ufficio del Direttore Juan Camilo Saretzki, Ambasciata Colombia, Webber Ndoro, direttore generale ICCROM, Anna E. Zeichner dell'Ufficio del Direttore
da sin.: Anna E. Zeichner; Néstor Pongutá; Webber Ndoro; Juan Camilo Saretzki, Valérie Magar da sin.: Anna E. Zeichner; Néstor Pongutá; Webber Ndoro; Juan Camilo Saretzki, Valérie Magar
GD – Roma, 26 ott. 22 - Proseguendo con l'obiettivo del governo del presidente Gustavo Petro di promuovere e rafforzare la cooperazione e il posizionamento della Colombia a livello internazionale, l'incaricato d'affari dell'ambasciata della Colombia in Italia, Juan Camilo Saretzki, accompagnato dall'addetto alla cultura, il consigliere Néstor Pongutá, ha incontrato Webber Ndoro, direttore generale dell'ICCROM Centro internazionale di studi per la conservazione e il restauro dei beni culturali, dove hanno esaminato l'agenda comune e preso provvedimenti per rendere questo importante rapporto istituzionale più efficace e dinamico.
La Colombia fa parte dell'ICCROM dal 1971 e durante questi 51 anni sono state svolte diverse attività volte alla conservazione e alla promozione del patrimonio culturale, in particolare attraverso la cooperazione accademica , ricerca e sensibilizzazione, tenendo conto che questa organizzazione unica al mondo con sede a Roma, fornisce assistenza tecnica ai suoi Stati membri attraverso lo scambio di materiali didattici, informazioni, workshop e opportunità educative e formative.
Durante l'incontro, l'incaricato d'affari Juan Camilo Saretzki ha sottolineato l'impegno a rafforzare le attività e la partecipazione della Colombia a queste iniziative e ha anche accolto con favore la notizia del direttore Ndoro che l'ICCROM ha risposto alla richiesta dei paesi iberoamericani e l'uso dello spagnolo come una lingua di lavoro è stata rafforzata e ampliata.
All'incontro erano presenti, a nome dell'ICCROM, la responsabile del programma, Valerie Magar, e il funzionario incaricato del collegamento con il direttore, Anna Zeichner, che hanno convenuto sull'importanza di rafforzare e specificare gli obiettivi comuni e hanno offerto una maggiore diffusione alle loro attività e facilitare, ad esempio, l'accesso alla sua biblioteca di conservazione, che dispone di un catalogo con oltre 120.000 libri, relazioni e riviste specializzate in più di 70 lingue, nonché una raccolta di oltre 200.000 immagini di siti e oggetti e varie testimonianze della loro attività formativa, scientifica e sul campo.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie