21 Luglio 2024
[Testata sito web Giornale Diplomatico]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Azerbaigian: ricorso contro Armenia a Corte Europea dei Diritti Uomo

18-01-2021 14:18 - Ambasciate
GD - Roma, 18 gen. 21 - L’Azerbaigian ha presentato istanza alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo contro l’Armenia. Lo rende noto l'ambasciata azera in Italia. In conformità con le istruzioni del presidente della Repubblica dell'Azerbaigian Ilham Aliyev, è stata preparata e presentata alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo una domanda interstatale sulla violazione dei diritti e delle libertà dei cittadini azerbaigiani colpiti dall'aggressione militare dell'Armenia contro l'Azerbaigian.
Nella preparazione della domanda sono stati coinvolti esperti di diritto internazionale di fama internazionale e importanti avvocati della Repubblica dell'Azerbaigian. La domanda solleva la questione della violazione del diritto alla vita, il rispetto della vita personale e familiare, la libertà di religione, tortura e maltrattamenti, violazione del diritto alla proprietà e circolazione dei cittadini della Repubblica dell'Azerbaigian a seguito dell’occupazione del Nagorno-Karabakh e di sette distretti adiacenti dell'Azerbaigian, da parte dell'Armenia, per quasi 30 anni. Ci sono anche prove che 3.890 cittadini azerbaigiani sono scomparsi e l'Armenia non ha intrapreso alcuna azione per indagare sul destino di questi individui.
Inoltre, la domanda riflette i fatti di violazione dei diritti dei cittadini azerbaigiani protetti dalla Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo a seguito della provocazione militare delle forze armate dell'Armenia in direzione di Tovuz nel luglio 2020.
La domanda azera afferma che la guerra di 44 giorni, che ha portato alla gloriosa vittoria della Repubblica dell'Azerbaigian, ha posto fine alle azioni disumane delle forze armate dell'Armenia contro i civili dell'Azerbaigian, contrarie al diritto internazionale umanitario, in particolare alle Convenzioni di Ginevra, il bombardamento di città e villaggi con munizioni a grappolo, bombe al fosforo e missili balistici a lungo raggio, che hanno provocato l'uccisione di 93 civili, tra cui 12 bambini e 28 donne, e ha causato lesioni a 423 persone, di cui 51 bambini e 104 donne, la completa distruzione di 264 case, inclusi 10 condomini a Ganja, 9.294 case private e altre proprietà, e fornisce prove della violazione della Convenzione Europea dei Diritti dell'Uomo.
La dichiarazione afferma anche che ai cittadini della Repubblica dell'Azerbaigian è stato negato il diritto di tornare alle loro case dopo che l'Armenia ha sparso un gran numero di mine nei territori occupati, distrutto le città e i villaggi azerbaigiani e inviato gruppi armati illegali nei territori liberati dopo la firma del 10 novembre 2020.
Il documento presentato alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo richiede che l'Armenia adotti le misure necessarie per ripristinare i diritti violati dei cittadini azerbaigiani.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie