18 Maggio 2022
[]
News
percorso: Home > News > Economia

Azerbaigian: presidente Ilham Aliyev, «L'Italia può ottenere doppio del gas»

30-04-2022 16:00 - Economia
Presidente Ilham Aliyev Presidente Ilham Aliyev
Percorso del TAP dall'Azerbaigian all'Italia Percorso del TAP dall'Azerbaigian all'Italia
GD - Baku, 30 apr. 22 - È cominciata a Shusha, in Azerbaigian, e poi all'Università ADA di Baku, la conferenza internazionale "Caucaso meridionale: sviluppo e cooperazione", alla quale è intervenuto il presidente della Repubblica dell'Azerbaigian, Ilham Aliyev.
Come informa l'ambasciata azera in Italia, nel suo intervento sul TAP il presidente dell'Azerbaigian ha precisato che la sua capacità "può essere aumentata a 20 miliardi di metri cubi. L'Italia può ottenere il doppio di quanto riceve oggi. A tal fine, il team TAP deve riunirsi".
L'idea di tenere questa conferenza nel Karabakh liberato è nata lo scorso anno, in occasione della conferenza internazionale dell'ADA "Un nuovo sguardo al Caucaso meridionale: sviluppo e cooperazione post-conflitto." Il fatto che Shusha sia diventata il luogo principale di svolgimento di eventi delle Nazioni Unite e di altre organizzazioni di rilievo, capitale diplomatica della regione, rappresenta il fallimento delle mostruose campagne, proseguite per molti anni, di promozione di questa antica città dell'Azerbaigian come una città armena.
Si sono svolti panel sulla riabilitazione e ricostruzione: "Shusha - il cammino verso la rinascita" e sul periodo postbellico: "Cooperazione, opportunità e sfide". Questa importante piattaforma offre l'opportunità agli esperti internazionali di valutare lo sviluppo delle relazioni tra i paesi del Caucaso meridionale, la possibilità di aprire comunicazioni nel periodo postbellico, e di discutere l'agenda di pace dell'Azerbaigian per normalizzare le relazioni con l'Armenia come base per il progresso, la sicurezza e la prosperità della regione.
Nel suo intervento il presidente Ilham Aliyev ha pronunciato un discorso introduttivo e poi ha risposto a numerose domande dei partecipanti. Il presidente ha espresso gratitudine all'Università ADA per aver ospitato l'incontro, affermando come sia diventata una tradizione. "L'Università ADA è una delle principali università in Azerbaigian con un livello di istruzione già molto elevato, ottimi contatti internazionali e anche un'università in crescita. Relativamente di recente, è stato istituito un nuovo formato di partenariato internazionale sull'istruzione e presto, ne sono sicuro, aprirà le sue porte agli studenti l'Università Italia-Azerbaigian, qui sotto l'egida dell'ADA ".
“Tali incontri tradizionali sono molto importanti per trasmettere alla comunità internazionale i nostri piani e obiettivi, il lavoro svolto. Durante quasi 30 anni di occupazione armena, atti di barbarie e vandalismo sono stati commessi in tutte le nostre città e villaggi, tutte le città e i villaggi sono stati distrutti. Ci sono stati casi di reinsediamento di armeni nei territori di Shusha, Zangilan e altri distretti, tutto questo è illegale", ha osservato il Capo di Stato.
Gli ospiti alla conferenza hanno conosciuto i piani dell'Azerbaigian per il ripristino del Karabakh e dello Zangezur orientale, che sta avvenendo principalmente a spese dell'Azerbaigian e con il supporto delle principali organizzazioni internazionali: "Il nostro compito principale al momento è ripristinare il Karabakh e farvi rimpatriare gli ex rifugiati", ha evidenziato il Presidente, sottolineando anche che “Continuano i lavori di costruzione dell'aeroporto internazionale di Lachin. Molto probabilmente entrerà in funzione nel 2024. Abbiamo anche in programma di aprire un aeroporto a Zangilan quest'anno".
“Inoltre, uno dei compiti più importanti è rafforzare le nuove realtà e lavorare con le organizzazioni internazionali per presentare la nostra posizione e la nostra visione della regione. Era anche molto importante che le principali organizzazioni internazionali accettassero le nuove realtà sul campo, e questo è avvenuto. Sosteniamo attivamente una nuova era nel Caucaso: un'era di pace e cooperazione. Infine, abbiamo recentemente ricevuto una risposta positiva dall'Armenia. Il governo armeno ha accettato i cinque principi di base proposti dall'Azerbaigian, i principi che dovrebbero costituire la base di un accordo di pace con l'Armenia", ha affermato il Presidente, aggiungendo anche che molto presto si terrà una riunione dei gruppi di lavoro congiunti azerbaigiano-armeno.
“L'Armenia deve capire che è impossibile rimanere isolata nella regione. Avendo stabilito relazioni con l'Azerbaigian, pur rinunciando alle rivendicazioni territoriali in relazione all'Azerbaigian e alla Turchia, non dovrebbe ostacolare il processo di cooperazione trilaterale", ha affermato il Capo di Stato azero.
“Percepiamo gli armeni che vivono in Karabakh come nostri cittadini. Ci auguriamo che si rendano presto conto che, come cittadini dell'Azerbaigian, hanno tutti i diritti e le garanzie di sicurezza", ha evidenziato ancora, facendo riferimento al positivo modello di multiculturalismo attuato con successo in Azerbaigian.
Il Capo di stato ha anche sottolineato che l'Azerbaigian diventerà più forte nei prossimi 10 anni, auspicando una reale soluzione di tutte le incomprensioni con l'Armenia e una stretta cooperazione tra i tre paesi della Regione del Caucaso meridionale. “Di conseguenza, saremo circondati dalla stabilità, l'obiettivo principale è essere in grado di dirigere fondi - miliardi di dollari - non per gli armamenti, ma per la costruzione e la creazione", ha affermato il presidente.
“Purtroppo, la storia in Armenia viene ancora falsificata. Devo notare che una tale politica di falsificazione della storia è durata 5-6 anni, anche dopo che l'hanno integrata con nuovi parametri. Cioè, hanno persino cambiato ufficialmente i nomi delle città azerbaigiane in falsi nomi armeni. Ad esempio, avevano iniziato a chiamare la città di Shusha "Shushi". Il nome "Shushi" non è mai esistito nella storia, non so nemmeno cosa significhi", ha detto il Capo dello Stato azero.
Parlando della situazione internazionale, il presidente ha sottolineato che l'Azerbaigian sostiene “l'integrità territoriale dell'Ucraina, come altri paesi, e lo dichiariamo apertamente, non ci nascondiamo dietro un albero. Sì, non neghiamo di avere buone relazioni con la Russia. In nessun caso i principi del diritto internazionale dovrebbero essere distorti a causa della superiorità politica".
Facendo riferimento al ruolo dell'UE, il presidente Aliyev ha evidenziato come essa possa svolgere un ruolo attivo nella questione della normalizzazione delle relazioni tra Azerbaigian e Armenia. "Lo sosteniamo e stiamo già vedendo i frutti del nostro lavoro. Bruxelles è diventata il mio principale luogo di visita", aggiungendo che "l'Unione Europea è un partner molto importante per l'Azerbaigian, poiché esiste un ampio programma di cooperazione tra le parti: commercio, energia, trasporti e questioni umanitarie. Lo sviluppo di un nuovo accordo sul partenariato strategico con l'UE è nella fase finale".
Il presidente azero ha inoltre sottolineato che l'Azerbaigian prevede di ricevere assistenza finanziaria dall'UE, commisurata al volume e alle condizioni dell'assistenza che Bruxelles intende fornire all'Armenia. "Una decisione del genere sarebbe giusta per entrambi i paesi", ha aggiunto.
Tra i rappresentanti italiani all'evento c'era Daniel Pommier Vincelli, ricercatore dell'Università Sapienza di Roma, che ha ricordato il recente colloquio telefonico tra il presidente Ilham Aliyev e il presidente del Consiglio Mario Draghi e la visita ufficiale del ministro Luigi Di Maio in Azerbaijan all'inizio di aprile, e ha rivolto una domanda al presidente sul possibile aumento di fornitura di gas dall'Azerbaigian all'Italia. A tal proposito il presidente Ilham Aliyev ha sottolineato che l'Azerbaigian ha adempiuto a tutti i suoi obblighi sulla questione gas e che il lavoro sui contratti firmati con i consumatori viene implementato al cento per cento. "Oggi il gas dell'Azerbaigian viene esportato in Georgia, Turchia, Bulgaria, Grecia e Italia. L'anno scorso, l'Italia, insieme alla Turchia, è diventata il principale destinatario di gas azerbaigiano. Più di 9 miliardi di metri cubi. Naturalmente pianifichiamo i nostri progetti di sviluppo del gas sulla base dei contratti esistenti. Gli accordi attuali prevedono un tale volume. Non vogliamo produrne molto perché non ci sono acquirenti. Se ce n'è bisogno, bisogna prima guardare alle fonti. Perché la nostra produzione è pensata per il mercato interno e per l'export. Non volevamo produrre di più perché non c'erano acquirenti a cui vendere. In questa situazione, abbiamo ricevuto richieste non solo dall'Italia, ma anche da altri Paesi europei per aumentare le forniture. Prima di tutto, dobbiamo trovare le fonti. Ciò sarà in parte dovuto alla ottimizzazione delle perdite di gas domestiche. In parte sarà la sostituzione del gas naturale con l'energia solare ed eolica, e l'altra parte sarà dovuta alla nuova produzione. Prevediamo la produzione da nuovi giacimenti l'anno prossimo. Il giacimento di Absheron dispone già di 1,5 miliardi di metri cubi di gas in più. Abbiamo aspettative anche da altri giacimenti", ha affermato il Capo di Stato.
Il presidente ha parlato anche dell'importanza della capacità dei gasdotti, del Corridoio Meridionale del Gas, incluso TANAP e TAP che ne fanno parte. "TANAP ha una capacità di 30 miliardi di metri cubi e TAP ha una capacità di 10 miliardi di metri cubi. Come mai? Secondo il mercato. Perché dovevamo esportare in Italia 8 miliardi di metri cubi di gas. A tal fine, gli azionisti di TAP, tra cui SOCAR, che detiene una quota del 20 per cento, l'hanno progettato senza costi aggiuntivi. Non ci aspettavamo gas aggiuntivo nel prossimo futuro. Pertanto, il progetto di TAP era diverso. È possibile espandere le sue capacità? Sì, questo è possibile aumentando il numero delle stazioni di pompaggio. Può essere aumentato a 20 miliardi di metri cubi. In altre parole, l'Italia può ottenere il doppio di quanto riceve oggi. A tal fine, il team TAP deve riunirsi".Il Presidente Ilham Aliyev ha evidenziato che tale argomento ha fatto parte delle sue discussioni con il primo ministro Draghi ed il ministro Di Maio.
Daniel Pommier Vincelli inoltre ha inoltre informato il presidente della recente pubblicazione in italiano del libro "Shusha, la capitale culturale dell'Azerbaigian", scritto insieme ad un collega azerbaigiano. Si tratta del primo libro scritto su Shusha in una lingua occidentale ed offre una presentazione della storia di Shusha. Il presidente ha ringraziato il ricercatore italiano per l'opera.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
cookie