28 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Made in Italy

Vino: in USA il Made in Italy tiene ma a fatica, bene la Francia

07-08-2018 15:34 - Made in Italy
GD - New York, 7 ago. 18 - Si sono ulteriormente contratte le importazioni vinicole americane che, nel primo semestre dell´anno in corso, hanno fatto registrare una diminuzione del 9,1% (nel primo semestre del 2017 si era avuto invece un incremento del 10,9% rispetto al 2016), secondo quanto reso oggi noto dall´Italian Wine & Food Institute (www.iwfinews.com).
Alla contrazione in quantità fa riscontro un incremento del 7,5% in valore, essenzialmente dovuto ad un diffuso aumento dei prezzi ed alle variazioni dei tassi di cambio del dollaro (nei primi cinque mesi dell´anno si era avuto un aumento del 10,9%).
La contrazione è un campanello dall´allarme da non sottovalutare per il presidente dell´IWFI, Lucio Caputo, viste anche le conseguenti contrazioni nelle esportazioni di tutti i principali Paesi esportatori verso il mercato statunitense, fatta eccezione per la Francia che continua invece a far registrare considerevoli incrementi. Ovviamente si è difronte ad un generale calo della domanda di vini importati, in passato trainata dalla notevole domanda di vini italiani.
Nel periodo in esame, l´Italia, che continua a mantenere la sua leadership, anche se con margini ridotti, ha registrato una ulteriore riduzione del 2,2% in quantità e un incremento del 6,4% in valore (nei primi cinque mesi dell´anno si era avuto un aumento del 0,6% in quantità e dell´11,3% in valore).
Sempre secondo la nota dell´IWFI, l´Italia è passata da 1.292.540 ettolitri del primo semestre del 2017, per un valore di $673.659.000, a 1.264.590 ettolitri, per un valore di $716.895.000, del primo semestre dell´anno in corso.
La quota di mercato dei vini importati dall´Italia è risultata pari al 28,2% in quantità e al 31,4% in valore. Il prezzo medio al litro è risultato pari a $5,66 contro i $9,41 dei vini francesi.
Va sottolineato che la riduzione in quantità, pari al 2,2%, può sembrare minima se ci si limita a guardare la percentuale che tuttavia ha provocato una riduzione di ben 3.726.000 bottiglie di vini italiani esportati negli USA nei primi sei mesi dell´anno in corso.
In dettaglio, le importazioni statunitensi, nel primo semestre dell´anno in corso, sono ammontate a 4.483.970 ettolitri, per un valore di $2.280.789.000, contro i 4.933.850 ettolitri, per un valore di $2.121.740.000 del corrispondente semestre dell´anno precedente.
Le importazioni dalla Francia, che punta sull´immagine dei suoi vini di qualità, salita al secondo posto fra i Paesi fornitori del mercato USA, sono passate da 648.130 ettolitri, per un valore di $551.644.000, del primo semestre del 2017, a 728.030 ettolitri, per un valore di $685.352.000, del primo semestre dell´anno in corso con un incremento del 12,3% in quantità e del 24,2% in valore.
Le importazioni dall´Australia, scesa al terzo posto fra i paesi fornitori del mercato USA, sono risultate pari a 673.980 ettolitri, per un valore di $145.145.000, contro i 982.230 ettolitri, per un valore di $181.887.000, del corrispondente periodo dell´anno scorso, con una contrazione del 31,4% in quantità e del 20,2 in valore (contro un aumento del 45,5% in quantità e del 3,9% in valore del primo semestre dello scorso anno).
Le importazioni dal Cile, passato al quarto posto fra i paesi fornitori del mercato USA, sono passate dai 690.670 ettolitri, per un valore di $133.123.000 del primo semestre del 2017, a 648,650 ettolitri, per un valore di $124.295.000, del primo semestre dell´anno in corso, con una diminuzione del 6,1% in quantità e del 6,6% in valore.
Sempre positivo, secondo la nota dell´Italian Wine & Food Institute, l´andamento delle esportazioni italiane di spumanti che, trainate dal Moscato, hanno fatto registrare, nel primo semestre dell´anno, un aumento del 16,2% in quantità e del 28% in valore, rispetto al corrispondente periodo dello scorso anno, raggiungendo una quota di mercato del 62,4% in quantità e del 41% in valore.
Complessivamente, le esportazioni di spumanti italiani verso il mercato statunitense sono passate da 321.370 ettolitri, per un valore di $164.429.000, del primo semestre del 2017, a 373.280 ettolitri, per un valore di $210.564.000, del primo semestre dell´anno in corso.
In flessione del 9,4% invece le esportazioni italiane di Vermouth con 30.280 ettolitri, per un valore di $21.765.000, esportati nel corso del primo semestre dell´anno in corso. In aumento infine i vini fortificati (+14% di alcool) con un +25,2% e 40.540 ettolitri per un valore di $66.969.000.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it