04 Luglio 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

SMOM: udienza del Luogotenente di Gran Maestro al Corpo Diplomatico

09-01-2018 14:37 - Ambasciate
Il Luogotenente di Gran Maestro Fra´ Giacomo Dalla Torre
Il Luogotenente di Gran Maestro Fra´ Giacomo Dalla Torre
GD - Roma 9 gen. 18 - Il Luogotenente di Gran Maestro Fra´ Giacomo Dalla Torre ha ricevuto stamani nella Villa Magistrale all´Aventino il Corpo Diplomatico accreditato presso il Sovrano Ordine di Malta. Fra´ Giacomo Dalla Torre ha ripercorso le tappe di un anno ricco e impegnativo per l´Ordine di Malta in cui i progetti di assistenza per i migranti e i rifugiati, la lotta al traffico degli esseri umani, il sostegno ai malati di demenza assieme allo sviluppo di nuove terapie mediche e la lotta alle patologie endemiche sono stati temi centrali.
"Per il nostro Ordine, la difesa dei diritti umani e la tutela delle persone più fragili, ossia donne, bambini, rifugiati, persone con disabilità, anziani, ma anche minoranze religiose, sono un obbligo morale che risponde e rispecchia in pieno il nostro antico carisma cristiano", ha detto il Luogotenente rivolgendosi agli ambasciatori dei Paesi con cui il Sovrano Ordine di Malta intrattiene relazioni diplomatiche: attualmente 107, di cui l´ultimo in ordine cronologico è la Germania.
Nel suo discorso, il Luogotenente ha sottolineato l´operato degli 80 mila volontari delle associazioni e dei corpi di soccorso dell´Ordine di Malta presenti in tutti i cinque continenti del mondo i quali quotidianamente assistono sfollati, migranti, famiglie disagiate, indigenti, persone con disabilità e anziani, e ha lodato l´impegno degli Ambasciatori dell´Ordine di Malta nella promozione delle leggi umanitarie internazionali e nella tutela dei più deboli.
Fra´ Giacomo Dalla Torre ha inoltre ribadito la necessità di sviluppare nuovi strumenti giuridici in grado di gestire i flussi migratori: "Il nostro compito di istituzione con una missione umanitaria è quello di aiutare, accogliere, sostenere e condannare ogni tentativo di manipolazione del sentire collettivo".
Ad aprire l´udienza, che quest´anno a seguito di importanti lavori di ristrutturazione della Chiesa Santa Maria in Aventino si è eccezionalmente tenuta nella sala Capitolare della Villa, è stato il Decano del Corpo Diplomatico, l´ambasciatore Pavel Voşalík, giunto quest´anno al termine del suo incarico.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account