28 Ottobre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

SMOM: per Giornata Mondiale del Rifugiato chiede più sostegno per Paesi che ospitano rifugiati

19-06-2019 00:33 - Ambasciate
GD - Roma, 19 giu. 19 - In occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato 2019, Malteser International – l'Agenzia di soccorso internazionale dell'Ordine di Malta – esorta la comunità internazionale a fare di più per aiutare i Paesi in via di sviluppo a rispondere alle necessità dei rifugiati. Secondo le Nazioni Unite, l'85% dei rifugiati nel mondo è ospitato dai Paesi più poveri.
“C'è un enorme squilibrio nell'aiuto internazionale agli sfollati nel mondo”, ha affermato Ingo Radtke, Segretario generale di Malteser International. “I Paesi in via di sviluppo si stanno facendo carico di gran parte delle responsabilità verso i rifugiati. Questo rappresenta un onere pesante per economie che faticano a crescere e che hanno poche risorse aggiuntive per aiutare i nuovi arrivati. Dobbiamo fare di più come comunità mondiale per sostenere questi Paesi, in modo da garantire una coesistenza pacifica e scongiurare nuove crisi. Senza un intervento della comunità internazionale, i Paesi in via di sviluppo che offrono un rifugio sicuro alle persone in fuga da guerra e persecuzioni faticheranno a rispondere a questa difficile sfida e noi ci ritroveremo in un mondo più instabile”.
Garantire aiuti a rifugiati e sfollati così come ai Paesi che li ospitano è un elemento centrale della missione di Malteser International. L'Uganda, per esempio, ospita al momento circa 1,4 milione di rifugiati, la maggior parte dei quali fuggiti dalla guerra civile in Sud Sudan. Obiettivo del lavoro di Malteser International nel Paese è portare aiuti ai rifugiati e rafforzare la loro coesione sociale con la popolazione delle comunità ospitanti, creando al contempo opportunità di lavoro per tutti.
L'Ordine di Malta si sta anche adoperando per assistere sfollati e migranti in circa 30 Paesi nel mondo e sta contrastando la tratta di esseri umani nell'ambito del proprio impegno. “Migranti e rifugiati, spesso donne e minori, sono i primi a finire nelle mani di trafficanti senza scrupoli”, ha detto il Gran Cancelliere, Albrecht Boeselager. “Di recente abbiamo aperto un centro per le donne vittime della tratta a Lagos, in Nigeria, e ci stiamo adoperando per sensibilizzare la comunità internazionale su questo orrendo fenomeno”.
Il Gran Maestro dell'Ordine di Malta, Fra' Giacomo Dalla Torre, si è unito all'appello alla comunità internazionale, affermando: “L'Ordine di Malta si adopera per aiutare gli emarginati e gli esclusi, a prescindere da nascita e provenienza. Migranti, rifugiati, sfollati sono tutti al centro dell'azione delle nostre tante associazioni e corpi di soccorso presenti in 120 Paesi”.
Durante la Giornata Mondiale del Rifugiato, che si tiene ogni anno il 20 giugno, il mondo commemora la forza, il coraggio e la perseveranza di milioni di rifugiati.
Il Sovrano Militare Ordine Ospedaliero di San Giovanni di Gerusalemme di Rodi e di Malta, fondato a Gerusalemme intorno all'anno 1048, è ente primario di diritto internazionale ed Ordine religioso cattolico laicale. La missione dell'Ordine è di testimoniare la fede e servire i poveri e gli ammalati. Oggi l'Ordine di Malta opera principalmente nell'ambito dell'assistenza medico sociale e degli interventi umanitari, svolgendo la propria attività in oltre 120 paesi. Insieme ai suoi 13.500 membri, operano 80.000 volontari, coadiuvati da oltre 42.000 tra medici, infermieri e ausiliari paramedici. L'Ordine gestisce ospedali, centri medici, ambulatori, istituti per anziani e disabili, centri per i malati terminali, corpi di volontari. Il Malteser International, la speciale agenzia di soccorso dell'Ordine di Malta, è sempre in prima linea nelle calamità naturali e per ridurre le conseguenze dei conflitti armati. L'Ordine è attualmente impegnato nei paesi confinanti la Siria e l'Iraq per prestare soccorso alla popolazione in fuga dalle violenze. Il Corpo italiano di Soccorso dell'Ordine di Malta partecipa ai soccorsi medici di barconi carichi di migranti nello Stretto di Sicilia, affiancando le autorità italiane L'Ordine di Malta è neutrale, imparziale e apolitico. Ha rapporti diplomatici bilaterali con 108 Stati, relazioni ufficiali con 6 altri Stati, relazioni a livello di ambasciatore con l'Unione Europea. È Osservatore permanente presso le Nazioni Unite e le sue agenzie specializzate e ha rappresentanze presso le principali Organizzazioni Internazionali. Dal 1834 la sede del Governo del Sovrano Ordine di Malta è a Roma, dove ha garanzie di extraterritorialità.


Fonte: SMOM
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it