28 Ottobre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Economia

Russia: missione di sistema italiana a Ekaterinburg

17-06-2017 17:48 - Economia
Mosca, 17 giugno 2017 - L´Italia continua a tenere desta la sua attenzione sulle proprie relazioni con la Russia e sul loro sviluppo. L´ambasciatore d´Italia a Mosca, Cesare Maria Ragaglini, infatti, dal 19 al 20 giugno guiderà una missione di sistema a Ekaterinburg, la capitale della regione russa di Sverdlovsk.
Alla missione, organizzata dall´ufficio ICE di Mosca, prenderanno parte anche 20 aziende italiane, attive nei settori della meccanica, delle costruzioni, dell´arredamento e della logistica. La regione è tra le più aperte nella Federazione agli investimenti stranieri e presenta interessanti opportunità d´investimento per le nostre compagnie. Il programma avrà come momento centrale il forum per gli investimenti "Italy meets Urals", all´interno del quale avverranno gli incontri tra imprese italiane e russe.
L´ambasciatore italiano, inoltre, visiterà la centrale elettrica di Enel (la compagnia gestisce due impianti energetici produttivi nella regione - si tratta del principale investimento italiano in Russa) e terrà una lecture all´Università Federale degli Urali sulle relazioni italo-russe.
Il fitto programma prevede anche un incontro tra Ragalini e il governatore pro tempore della Regione di Sverdlovsk, Kuyvashev, e il Sindaco di Ekaterinburg, Rojzman.
Al termine della missione, terrà una conferenza stampa nella sede dell´Unione dei Giornalisti della regione.
Situata sul lato asiatico degli Urali, la città è il principale centro industriale e culturale della regione degli Urali. La sua popolazione di oltre 1,4 milioni di abitanti (2014), dato che la fa essere la quarta città della Russia per abitanti. Tra il 1924 e il 1991 fu nota con il nome di Sverdlovsk (Свердловск) in onore del leader bolscevico Jakov Sverdlov; la denominazione è tuttora usata dalle ferrovie russe e l´oblast´ di cui la città è capoluogo ha mantenuto il nome precedente.
Storicamente Ekaterinburg è famosa in tutto il mondo perché nella notte tra il 16 e il 17 luglio 1918 vi furono fucilati l´ultimo Zar Nicola II e i suoi familiari.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it