30 Ottobre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Relazioni economiche Italia-USA: Lewis M. Eisenberg, Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia

18-02-2018 21:41 - Ambasciate
GD - Roma, 18 feb. 18 – L´intervento integrale di Lewis M. Eisenberg, Ambasciatore degli Stati Uniti in Italia, al convegno di Aspen Institute Italia sulle relazioni economiche tra Italia e Stati Uniti. E nelle sue osservazioni ha già fatto sapere che «non vediamo l´ora di lavorare con il prossimo Governo».
«È un piacere essere qui per parlare delle relazioni economiche tra Stati Uniti e Italia. Ho vissuto in Italia, nel bel Paese ormai da sei mesi e, quindi, per molti aspetti sono in una curva di apprendimento ripida. Sono entusiasta di tutto ciò che è coinvolto nell´essere l´ambasciatore degli Stati Uniti in Italia. Ci sono così tanti premi e tante sfide. Viaggiando in tutta Italia, sono sempre così stupito non solo dal cibo e dalla bellezza italiana, ma anche dalla sua gente. Devo ammettere di essere stato colpito dal calore e dalla ricettività degli uomini e delle donne italiane che ho incontrato.
Gli Stati Uniti e l´Italia hanno molto in comune, non solo la creatività delle persone, ma anche il modo in cui siamo organizzati. Le piccole imprese a conduzione familiare e le medie imprese sono al centro della nostra cultura aziendale e apprezziamo sia l´imprenditorialità che l´innovazione.
Le affiliate delle imprese degli Stati Uniti in Italia hanno impiegato oltre 220.000 persone nel 2015 e sono certo che ora ne impieghino ancora di più, mentre le affiliate italiane negli Stati Uniti hanno impiegato oltre 130.000 persone.
Possiamo indicare le grandi aziende statunitensi che investono in Italia, in particolare nel Sud.
Nel 2016, Apple ha aperto un centro di formazione per lo sviluppo di app per studenti universitari a Napoli, il primo in Europa.
Nel 2017, la Deloitte Digital ha aperto una "Innovation Academy" per studenti a Napoli.
In Puglia, Boeing realizza il 14% delle parti del suo 787 Dreamliner e le sue attività richiedono circa 10.000 posti di lavoro in Italia, soprattutto nel Sud.
Gli investimenti esteri diretti italiani, o "FDI", negli Stati Uniti continuano a salire: nel 2016 gli IDE italiani negli Stati Uniti hanno raggiunto 30 miliardi di $, mentre gli IDE statunitensi in Italia hanno totalizzato 24,7 miliardi di $.
Ci sono alcuni esempi eccellenti di investimenti italiani negli Stati Uniti. Per esempio:
Fincantieri ha raddoppiato il numero di posti di lavoro presso una società di costruzione navale con sede nel Wisconsin dove ha investito sin dal 2009.
Di recente Enel è diventato il maggiore operatore di energia eolica in Oklahoma dopo gli investimenti in due parchi eolici.
Il recente investimento di Pelliconi in un centro di produzione a Orlando l´ha posizionata per entrare in nuovi mercati.
Gli Stati Uniti sono un grande mercato per gli investimenti italiani. Alcuni dei recenti sviluppi, come il miglioramento del sistema fiscale, lo rendono ancora migliore per le imprese.
È facile fare affari negli Stati Uniti. Abbiamo un sistema giudiziario veloce e prevedibile e un solido sistema finanziario. Abbiamo un enorme mercato di consumatori (oltre 325 milioni).
So che molti di voi hanno familiarità con esso, ma voglio menzionare il programma Select USA dell´Ambasciata. Attraverso questo programma, l´Ambasciata può fornire informazioni utili e mirate individualmente alle imprese italiane interessate a investire nel mercato degli Stati Uniti.
In effetti, abbiamo programmi in arrivo a Torino, Verona e Firenze, dove 17 Stati americani incontreranno potenziali investitori.
La promozione delle esportazioni negli Stati Uniti è una priorità per l´attuale amministrazione. Il nostro Presidente e altri hanno affrontato regolarmente questo punto. Vorrei inoltre condividere il fatto che mi sento a mio agio nel dire che perseguiremo sul fronte degli scambi liberi, equi e reciproci e di relazioni economiche generali che siano nel reciproco interesse.
Le importazioni statunitensi di beni italiani sono aumentate a 50,0 di $ nel 2017, con un incremento del 10,4%, mentre le importazioni italiane di merci negli Stati Uniti sono salite a 18,0 miliardi di $, con un aumento di circa il 10%.
Nel 2017 l´Italia ha registrato un surplus commerciale con gli Stati Uniti di quasi 32 miliardi $.
Con la ripresa, e sembra chiaro ora che stiamo davvero andando avanti, sono fiducioso e credo che gli esportatori statunitensi vedranno più opportunità che mai in Italia.
Ad esempio, i consumatori italiani apprezzano i prodotti di alta qualità, rendendo potenzialmente l´Italia un mercato molto attraente per gli agricoltori statunitensi. Ma gli esportatori americani ci dicono che i certificati richiesti dall´UE sono così complessi e onerosi che è molto difficile persino riuscire a capire i requisiti di certificazione. Tutto ciò che possiamo fare per facilitare questo processo aiuterà sia gli agricoltori statunitensi che i consumatori italiani. Inoltre, le soluzioni digitali esportate in Italia da società statunitensi stanno aiutando le imprese italiane ad aumentare la produttività e diventare più competitive a livello internazionale.
L´Italia e gli Stati Uniti condividono principi economici comuni: promozione dei mercati liberi, crescita del settore privato e alti standard di qualità. Vogliamo lavorare con l´Italia per promuovere questi valori, in particolare quando sono minacciati:
Per quanto riguarda il continuo uso da parte della Cina di pratiche commerciali sleali, gli Stati Uniti lavoreranno con gli alleati che si oppongono alle capacità in eccesso, alle sovvenzioni che distorcono il mercato e al trasferimento tecnologico forzato.
La diversificazione energetica è un´altra area importante. Rafforzare la sicurezza energetica europea garantendo l´accesso a forniture di energia economiche, affidabili, diversificate e sicure è fondamentale per la sicurezza nazionale. Il gasdotto trans-adriatico (TAP), che mira a portare il gas dall´Azerbaijan, è un modo per migliorare la sicurezza. Le recenti scoperte di gas nel Mediterraneo orientale sono un altro fattore interessante.
Il nuovo ed economico GNL dagli Stati Uniti - che è destinato a diventare uno dei principali produttori di gas del mondo nei prossimi anni - è anche una grande opportunità per perseguire insieme questi obiettivi di sicurezza energetica.
L´Italia andrà alle urne a marzo e non vedremo l´ora di lavorare con il prossimo Governo per continuare le riforme, aumentare il commercio statunitense e promuovere gli investimenti, qualunque sia l´esito.
In conclusione, dovremmo continuare a lavorare insieme in una vera partnership dove ognuno di noi aiuta l´altro nella misura più ampia possibile e fa crescere la torta per le persone in entrambi i nostri Paesi».



Fonte: Aspen Institute Italia
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it