25 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Europa

Progetto Mediterraneo di LUISS e Fondazione Terzo Pilastro: studiare tra sponde del Mediterraneo

23-11-2018 16:30 - Europa
GD - Roma, 23 nov. 18 - Il sogno di eccellenza tra Roma, Amman e La Valletta. Quando il Mediterraneo è un ponte per il futuro. Martedì 27 novembre alle 11:00 nella sede LUISS di Villa Blanc, si celebreranno i primi mesi di attività e le prossime tappe del Progetto Mediterraneo, il percorso di formazione, unico in Italia, realizzato dalla LUISS con il supporto della Fondazione Terzo Pilastro–Internazionale, rivolto a 18 studenti provenienti da Giordania, Siria, Palestina e Malta. Tra questi un gruppo di ragazzi rifugiati, sotto protezione internazionale.
Obiettivo è quello di garantire non aiuti umanitari ma formativi ad un gruppo di giovani con condizioni di reddito e di merito particolari di un’area cruciale del Medio Oriente consentendo loro di ottenere “un passaporto per la libertà”, una opportunità unica di futuro, perché per loro la laurea è la chiave per l’emancipazione, il riscatto sociale. Come dice Luigi Serra, vicepresidente esecutivo della LUISS, promotore dell’iniziativa, “investire direttamente sul futuro di questi ragazzi in Giordania e nel Mediterraneo vuol dire investire sul futuro dell’Italia”.
Gli fa eco Emmanuele F. M. Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro, main-partner del progetto: “La missione della nostra Fondazione è proprio quella di aiutare persone in condizioni particolarmente disagiate, in Italia come all’estero, e di promuovere percorsi di formazione ad alto livello e con un forte impatto in termini di sviluppo ed equità sociale”.
Partito a marzo 2018, il progetto prevede, per un gruppo di studenti, maltesi e giordani, un periodo di studio di un anno a Roma, nel campus della LUISS, per frequentare il corso di Laurea in Economia, e poi fare ritorno nel proprio paese e terminare gli studi. Mentre per i ragazzi siriani e palestinesi, sotto protezione e residenti ad Amman, in Giordania, di seguire lezioni dello stesso corso ma tenute da una delegazione di docenti della Libera Università Internazionale degli Studi Sociali, nell’Ateneo della University of Petra, partner del progetto.
A parlarne, martedì 27 novembre, dalle ore 11:00 a Villa Blanc, il ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione internazionale, Enzo Moavero-Milanesi, che interverrà in apertura; Emma Marcegaglia, presidente LUISS; Paola Severino, vicepresidente LUISS; Luigi Serra, vicepresidente esecutivo LUISS; Emmanuele F. M. Emanuele, presidente della Fondazione Terzo Pilastro–Internazionale, e con un video messaggio Marie Louise Coleiro Preca, presidente della Repubblica di Malta, e Marwan Muwalla, presidente della University of Petra. Concluderà Andrea Prencipe, rettore LUISS
Il contributo video da Amman, dalla University of Petra, dei sette studenti sotto protezione internazionale che racconteranno la loro esperienza.
Per accrediti stampa: ufficiostampa@luiss.it


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it