19 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Pittore ungherese Kisléghi Nagy membro ad honorem della Pontificia Accademia dei Virtuosi al Pantheon

19-03-2019 15:27 - Ambasciate
Ádám Kisléghi Nagy (foto: MTI)
Ádám Kisléghi Nagy (foto: MTI)
GD - Roma, 19 mar. 19 - Il pittore ungherese Ádám Kisléghi Nagy è entrato nel novero dei nuovi membri ad honorem della Pontificia Accademia dei Virtuosi al Pantheon. Nato nel 1961 a Budapest, Kisléghi Nagy si è diplomato all’Accademia delle Arti Figurative (Képzőművészeti Főiskola) della capitale ungherese nel 1985. Nel 1995 ha ottenuto una borsa di studio all’Accademia d’Ungheria in Roma, nel 1998 ha studiato all’Università degli Studi di Napoli Federico II.
Sin dall’inizio predilige le tematiche sacre. Lavora molto per la Chiesa Greco Cattolica ungherese, allestendo le iconostasi di diverse chiese. La sua opera più imponente è costituita dalle grandi tele sulla vita della Vergine Maria, dipinti nel 1999-2003 per la Cattedrale barocca di Szombathely, bombardata durante la seconda guerra mondiale.
È rilevante anche la sua produzione ritrattistica. Nel 2003 ha eseguito il ritratto di László Batthyány-Strattmann per la cerimonia di beatificazione a Piazza S. Pietro. È pure famoso il ritratto del sacerdote martire János Brenner, recentemente beatificato.
Sono diverse le esposizioni in Ungheria dedicate alla sua arte, ma alcune sue opere si trovano anche all’estero (Francia, Spagna, Italia). In Italia, in particolare, va notato il ritratto del vescovo martire B. Vilmos Apor, conservato nel Palazzo Magistrale dell’Ordine di Malta a Roma, nonché la raffigurazione della Vergine nella chiesa di Madognana (BO).
Nel 2009 Ádám Kisléghi Nagy ha partecipato all’incontro di Papa Benedetto XVI con gli artisti. Nel 2013 è stato pubblicato l’album “Kisléghi Nagy Ádám – A szent festője” (Ádám Kisléghi Nagy - Pittore del sacro) con un saggio di Mons. Daniel E. Estivill.
Nel 2016 si è presentato con una mostra personale all’Accademia d’Ungheria a Roma dal titolo “Lux in tenebris lucet – La rinascita del chiaroscuro spirituale”. Quest’anno invece, in occasione della festa nazionale del 15 marzo, è stato insignito della massima onorificenza ungherese riservata agli artisti, il premio Kossuth (Kossuth-díj).


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it