27 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

ONU: il discorso (di congedo) dell´Amb. Cardi al Consiglio di Sicurezza sulla pace e la sicurezza internazionali

20-12-2017 19:00 - Ambasciate
GD - New York, 20 dic. 17 - Al Consiglio di Sicurezza dell´ONU si è svolto un dibattito su Pace e Sicurezza Internazionale. Di seguito il discorso pronunciato dall´Ambasciatore Sebastiano Cardi, Rappresentante Permanente dell´Italia presso le Nazioni Unite. Con questo intervento l´Amb. Cardi si è congedato dall´incarico in quanto si va esaurendo la temporanea partecipazione italiana al Consiglio di Sicurezza del Palazzo di Vetro.
"Signor Presidente, in via preliminare ringrazio il Segretario Generale per il suo briefing e la Presidenza giapponese per aver organizzato questo importante, vivace e tempestivo incontro e l´Italia vorrebbe allinearsi alla dichiarazione che sarà consegnata dal rappresentante dell´Unione Europea. Questo dibattito ci consente di riflettere su come il Consiglio di Sicurezza abbia affrontato, soprattutto quest´anno, le sfide contemporanee alla pace e alla sicurezza internazionali: dal terrorismo all´estremismo, alla criminalità organizzata transnazionale, alla tratta di persone, alle gravi violazioni dei diritti umani, dislocamento, crisi umanitarie e gli effetti sempre più sfavorevoli dei cambiamenti climatici.
Il Consiglio ha riconosciuto, in molti casi, la loro natura interconnessa e il loro ruolo di autisti e moltiplicatori di conflitti. Ha inoltre convenuto sulla necessità di affrontarli in modo globale e integrato. Come il Segretario generale ha chiesto nel suo primo discorso al Consiglio a gennaio, un passaggio dalla reazione alla prevenzione dei conflitti, basato sul concetto di continuum di pace, dovrebbe essere al centro del nostro sforzo per rendere l´azione delle Nazioni Unite più coerente e più efficace. E l´Italia condivide e sostiene pienamente questo approccio, principalmente lungo tre direzioni.
Primo: dobbiamo continuare ad analizzare la natura interconnessa delle sfide contemporanee e il loro impatto sulla pace e la stabilità internazionali. Durante il nostro mandato, l´Italia ha focalizzato l´attenzione di questo Consiglio sulla tratta di persone e sul suo legame con il terrorismo, la criminalità organizzata, gli sfollamenti di massa e le gravi violazioni dei diritti umani. Abbiamo anche affrontato la questione della protezione del patrimonio culturale dalla distruzione e dalla tratta di terroristi, al fine di contrastare il finanziamento delle loro attività e proteggere l´identità culturale delle comunità. Adottando all´unanimità le risoluzioni 2388 e 2347, questo Consiglio ha dimostrato la sua coesione per contrastare questi flagelli, che costituiscono una minaccia per la pace e la sicurezza internazionali. Nella stessa vena, la scorsa settimana, l´Italia ha organizzato una riunione della formula Arria sulle implicazioni per la sicurezza dei cambiamenti climatici.
Inoltre, affrontare le cause profonde dei conflitti deve rimanere la nostra priorità, se vogliamo evitare che i conflitti emergano o si ripetano. Durante la nostra Presidenza, il briefing sulle sfide di sicurezza nella regione mediterranea ha evidenziato il nesso tra pace, sicurezza, sviluppo socio-economico e diritti umani, nonché l´urgente necessità di porre i bisogni e i diritti delle persone al centro della nostra azione. La protezione e l´emancipazione delle persone sono la chiave per costruire società resilienti e inclusive, in linea con l´Agenda 2030 e le Agende di pace sostenibili.
Secondo: un uso più ampio e preventivo dell´intero pacchetto di strumenti a disposizione dell´ONU è essenziale per consentire un tempestivo coinvolgimento del Consiglio in situazioni che possono degenerare o ricadere in conflitti e definire un´azione preventiva da parte del sistema delle Nazioni Unite nel suo insieme.
A questo proposito, vorrei ricordare due recenti, importanti iniziative intraprese dal Segretario Generale Antonio Guterres, in linea con l´art. 99 della Carta: le sue lettere sulle quattro carestie e sulla situazione a Rakhine. Lo incoraggiamo a esercitare pienamente questa prerogativa ogni volta che è necessario.
Inoltre, è importante sviluppare sistemi di allarme rapido più efficaci. Ad esempio, il Framework of Analysis per i crimini atroci dovrebbe essere utilizzato più ampiamente. I rappresentanti speciali del Segretario generale dovrebbero informare il Consiglio in modo più regolare. Il Consiglio dovrebbe avvalersi pienamente dei formati di riunioni informali per discutere questioni che potrebbero non essere formalmente nella sua agenda ma meritare la sua attenzione. Le missioni del Consiglio di sicurezza, come abbiamo visto, sono anche uno strumento molto importante per comprendere meglio specifici contesti di sicurezza e adeguare di conseguenza la nostra azione, come dimostrato dalle visite di quest´anno nella regione del Lago Ciad, in Colombia e nel Sahel, tra gli altri.
La capacità delle Nazioni Unite non ha eguali e deve essere pienamente sfruttata migliorando la sinergia e il coordinamento tra tutti gli attori delle Nazioni Unite presso la sede centrale e sul campo. Il ruolo che le operazioni di mantenimento della pace, le missioni politiche speciali, le squadre di paesi e le agenzie specializzate, i fondi e i programmi svolgono nella costruzione e nel mantenimento della pace deve essere ulteriormente rafforzato integrando e attuando meglio il concetto di continuum di pace. Il Consiglio deve rispettare i principi della riforma del mantenimento della pace quando affronta situazioni specifiche per paese, tenendo presente la necessità di chiare strategie di ingresso, di transizione e di uscita, l´obiettivo primario di sostenere processi politici inclusivi, promuovere società resilienti e proprietà nazionale. Haiti, per esempio, con l´istituzione di MINUJUSTH, ha fornito un caso modello di transizione. Allo stesso modo, le missioni di mantenimento della pace devono essere attrezzate per concentrarsi sul rafforzamento delle capacità: a questo proposito, la Risoluzione 2382 che l´Italia ha promosso con altri membri del Consiglio ha riconosciuto e rafforzato l´importanza della componente della polizia nel colmare il lavoro delle Nazioni Unite dal mantenimento della pace alla costruzione della pace.
Terzo: dobbiamo concentrarci sulla via da seguire. Le proposte di riforma del sistema delle Nazioni Unite da parte del Segretario generale sono coerenti con il lavoro del Consiglio su questi temi. Il Consiglio dovrebbe continuare a fornire il suo pieno e unito sostegno agli sforzi del Segretario generale poiché tutti noi attendiamo un´Organizzazione più efficace, flessibile, trasparente, efficiente e responsabile, in cui i vari organi dell´Organizzazione lavorino insieme e agiscano insieme .
Come sottolineato dal Segretario Generale, le Nazioni Unite non sono sole nei loro sforzi per la pace. I partenariati con le organizzazioni regionali e la società civile sono fondamentali per migliorare la coerenza dell´azione tra i tre pilastri e lungo il ciclo del conflitto, in linea con il principio di sussidiarietà
In conclusione, riteniamo sia imperativo interrompere l´approccio dei silos e basarci sull´ampio consenso che abbiamo sulla sostanza, come confermato anche dal dibattito odierno. Questo Consiglio è in grado di essere efficace, di essere all´altezza delle sue responsabilità e di essere unito nell´affrontare le sfide contemporanee alla pace e alla sicurezza con un pensiero innovativo e azioni coraggiose.
Infine, poiché questo è il mio ultimo intervento personale nel Consiglio di sicurezza visto che il mandato dell´Italia si avvicina alla fine, permettetemi innanzi tutto di congratularmi con la vostra squadra, la vostra delegazione per il vostro lavoro e la vostra eccellente Presidenza del mese di dicembre e anche di estendere a tutte le delegazioni attorno al tavolo il ringraziamento personale e il mio team per la collaborazione durante questo intenso anno nel Consiglio di sicurezza".


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it