02 Luglio 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

ONU: dichiarazione Italia per Convenzione sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati

21-02-2018 17:56 - Ambasciate
GD - New York, 21 feb. 18 - Dichiarazione resa dall´ambasciatore Inigo Lambertini, rappresentante permanente aggiunto dell´Italia alle Nazioni Unite, al "Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti dell´infanzia sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati (OPAC) compie 18 anni - Conferenza sui bambini e conflitti armati":
«L´Italia si allinea alla dichiarazione dell´Unione europea e desidera aggiungere le seguenti osservazioni a livello nazionale. Desidero ringraziare tutti gli organizzatori per aver convocato l´evento di oggi. Questa è un´occasione opportuna per la comunità internazionale per discutere l´importante questione dei bambini coinvolti nei conflitti armati.
Progressi sostanziali sono stati raggiunti dopo la relazione di Graca Machel, grazie anche al lavoro svolto dai vari rappresentanti speciali per l´infanzia e il conflitto armato.
Come è già stato detto, abbiamo un enorme quadro normativo in atto. Ora, dobbiamo assicurare la piena attuazione delle nostre parole e rafforzare i nostri sforzi. Dobbiamo continuare a promuovere la più ampia adesione degli Stati agli strumenti internazionali pertinenti e promuovere la loro effettiva attuazione e applicazione, incluso il Protocollo opzionale alla Convenzione sui diritti dell´infanzia sul coinvolgimento dei bambini nei conflitti armati. Incoraggiamo i Paesi a fare ancora di più e ad assumere impegni politici per proteggere meglio i bambini colpiti da conflitti armati. Iniziative di sostegno come i Principi di Parigi e la Dichiarazione sulle scuole sicure - che l´Italia sostiene totalmente - farebbero un cambiamento significativo nella vita di molti bambini.
La natura mutevole dei conflitti e la loro crescente complessità stanno avendo un impatto sproporzionato sui bambini, che sono i più vulnerabili agli abusi e allo sfruttamento, compreso l´uso come soldati. Le cifre dei bambini che cadono preda di trafficanti, terroristi e gruppi armati richiedono un´azione coesa e urgente per la comunità internazionale.
Ad esempio, come membro del Consiglio di Sicurezza l´anno scorso, l´Italia ha organizzato una riunione sulla formula Arria sulla protezione delle scuole in situazioni di conflitto, dove abbiamo avuto l´opportunità di ascoltare Joe Bishara, una delle ragazze Chibok rapite nel 2014 da Boko Haram e coloro che sono stati in grado di fuggire dal gruppo terroristico. Le sue parole continuano a suscitare l´allarme delle conseguenze dei conflitti armati sulla vita dei bambini.
Durante il nostro mandato, abbiamo anche sostenuto l´inclusione delle disposizioni relative alla protezione dei bambini nei mandati delle operazioni di pace delle Nazioni Unite, come nel caso del rinnovo del mandato della MINUSMA.
È importante che il mantenimento della pace e le missioni politiche dispongano dei mezzi necessari per monitorare, segnalare e rispondere a gravi violazioni. A tal fine, dobbiamo garantire che le posizioni dei consiglieri per la protezione dei minori siano debitamente presidiate e preventivate.
Infine, abbiamo anche promosso l´adozione di una risoluzione contro la tratta di esseri umani basata su un approccio centrato sulla vittima e focalizzato anche sui minori migranti e sui minori non accompagnati, una questione che l´Italia sta prestando particolare attenzione anche alla Presidenza in carica dell´OSCE per il 2018.
Permettetemi di concludere con un messaggio di gratitudine per le agenzie delle Nazioni Unite, a cominciare dall´UNICEF, e dalle organizzazioni della società civile per il loro fondamentale lavoro nel promuovere e proteggere i diritti dei bambini. In effetti, prevenire e rispondere al flagello dei bambini colpiti da conflitti armati richiede sforzi sinergici e congiunti da parte di tutte le parti interessate. Come ha detto Graca Machel: "L´impatto del conflitto armato sui bambini è responsabilità di tutti. E deve essere la preoccupazione di tutti".
Da parte nostra, rimaniamo fermi nel mantenere i diritti dei bambini come una priorità nel Consiglio dei diritti umani, se siamo eletti per il periodo 2019 - 2021».


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account