25 Novembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

ONU: al Consiglio di Sicurezza discorso dell´amb. Cardi sulla non-proliferazione del Nord Corea

15-12-2017 19:29 - Ambasciate
GD - New York, 15 dic. 17 - Il discorso pronunciato dall´amb. Sebastiano Cardi, Rappresentante Permanente dell´Italia presso le Nazioni Unite, al Briefing in Consiglio di Sicurezza sulla Non-proliferazione della Nord Corea:
"Signor Presidente, permettetemi fin dall´inizio di ringraziare voi e la Presidenza giapponese per aver convocato questo importante incontro, così come il Segretario generale per il suo briefing. Apprezziamo la visita di USG Feltman a Pyongyang la scorsa settimana e sosteniamo gli sforzi delle Nazioni Unite per stabilire un canale di comunicazione con le autorità nordcoreane, anche al fine di ridurre il rischio di un´escalation non intenzionale.
Non ci può essere alcuna ambiguità nella nostra analisi dello scenario attuale: il deterioramento registrato lo scorso anno è una diretta conseguenza delle attività illegali e destabilizzanti del regime nordcoreano. Questa minaccia è di natura immediata e di portata globale. Estendiamo ancora una volta la nostra piena solidarietà con i cittadini del Giappone e della Corea del Sud.
E non possiamo dimenticare la difficile situazione della popolazione della Corea del Nord mentre il loro governo devia energie e risorse verso lo sviluppo di armi illegali di programmi di distruzione di massa.
Abbiamo più volte visto come le provocazioni senza precedenti del regime della RPDC nello sviluppo delle armi nucleari e delle capacità missilistiche hanno accresciuto le tensioni nella penisola coreana e oltre, costituendo, a nostro avviso, una delle più gravi minacce alla pace e alla sicurezza internazionali che stiamo affrontando oggi .
Condanniamo fermamente queste attività e chiediamo alla Corea del Nord di attenersi ai suoi obblighi internazionali e invitiamo inoltre la Corea del Nord ad abbandonare il suo programma di armi chimiche e ad aderire immediatamente alla Convenzione sulle armi chimiche, come richiesto nella risoluzione 2371.
È chiaro che un conflitto nella penisola coreana sarebbe catastrofico per la regione e per il mondo.
La risposta del Consiglio alla situazione nella RPDC quest´anno è stata forte ed efficace. Sono state approvate tre nuove risoluzioni che prevedono la serie più completa di sanzioni in una generazione. Abbiamo anche adottato misure aggiuntive significative a livello dell´UE e nazionale. L´Italia ha recentemente interrotto la procedura di accreditamento per l´ambasciatore designato della RPDC a Roma.
Le sanzioni hanno lo scopo di raggiungere tre obiettivi principali. Primo: far capire al regime nordcoreano che ulteriori provocazioni porteranno solo ad un maggiore isolamento. Secondo: impedire alla RPDC di sfruttare la natura interconnessa dell´economia globale per finanziare i suoi programmi di armi illegali. Terzo: fornire la leva necessaria per realizzare un cambiamento verificabile nelle politiche del regime, aprendo quindi la strada a una soluzione politica basata sulla denuclearizzazione completa, verificabile e irreversibile.
Desidero sottolineare che questa strategia funzionerà pienamente solo se saranno soddisfatte due condizioni. Primo: attuazione completa e completa delle sanzioni da parte di tutti i membri delle Nazioni Unite e Seconda: unità continuata in seno al Consiglio su questo tema.
Come presidente del Comitato per le sanzioni del 1718, l´Italia ha lavorato per migliorare l´attuazione delle sanzioni nel corso di quest´anno.
Rimangono molte sfide: un regime di sanzioni articolato e ampio richiede un´interazione costante con gli Stati membri per colmare le lacune in materia di informazioni. Inoltre, molti paesi affrontano sfide di capacità. Esiste anche una questione relativa ai tempi: il ritardo nel recepimento delle disposizioni sanzionatorie nella legislazione nazionale può creare opportunità per eluderle.
Questo è anche il motivo per cui è fondamentale presentare i rapporti di attuazione nazionali in tempo utile. Mentre abbiamo visto un costante aumento nell´ultimo anno, c´è spazio per miglioramenti. Permettetemi di sottolineare l´importanza e l´urgenza di presentare relazioni di attuazione per tutte le risoluzioni delle sanzioni della RPDC.
Infine, signor Presidente, desidero ribadire che le sanzioni non sono intese ad avere conseguenze negative non intenzionali sulla situazione umanitaria nel paese, che continua ad essere motivo di grave preoccupazione, pur tenendo presente che è il regime della RPDC che sopporta responsabilità primaria per migliorare il sostentamento della sua gente.
Continuiamo a coinvolgere tutte le parti interessate su questo tema. Ho presieduto la scorsa settimana un Comitato delle sanzioni molto produttivo sulla situazione umanitaria. In questo contesto, rinnoviamo il nostro appello agli attori umanitari affinché facciano pieno uso delle pertinenti deroghe previste nelle varie risoluzioni del Consiglio di sicurezza. Allo stesso tempo, un´interazione più tempestiva e sistematica tra le agenzie delle Nazioni Unite e la commissione 1718 potrebbe fare molto per prevenire inutili ostacoli nel fornire assistenza umanitaria critica al popolo nordcoreano.
La ringrazio, signor presidente".


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it