29 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

ONU: Riunione ad alto livello sulla Somalia anche su iniziativa italiana

08-10-2019 18:48 - Ambasciate
GD - New York, 8 ott. 19 - Somalia, Etiopia, Italia e Stati Uniti hanno ospitato una riunione ad alto livello sulla Somalia il 25 settembre 2019, che ha riunito capi di Stato e di governo, ministri degli Affari Esteri e altri partecipanti di oltre 40 Stati membri e organizzazioni internazionali per esaminare la situazione degli sforzi di costruzione dello Stato e di riforma in Somalia.
L'incontro si è aperto con le osservazioni del presidente della Repubblica Federale della Somalia, Mohamed Abdullahi Mohamed “Farmaajo”; del presidente della Repubblica Democratica Federale dell'Etiopia, Sahle-Work Zewde; del presidente della Commissione UA, Moussa Faki Mahamat; del ministro degli Affari Esteri e Cooperazione Internazionale italiano, Luigi Di Maio; del sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari politici e di costruzione della pace, Rosemary DiCarlo; del sottosegretario di Stato americano per gli Affari Politici, David Hale.
Numerosi rappresentanti degli Stati membri e delle organizzazioni internazionali hanno inoltre espresso osservazioni.
Citando sviluppi positivi in ​​Somalia sul fronte della sicurezza, economico e politico, i partecipanti hanno espresso collettivamente fiducia nel futuro della Somalia e hanno sottolineato il periodo critico che il Paese deve affrontare attualmente. Molti hanno espresso apprezzamento per i sacrifici delle truppe AMISOM nel proteggere la Somalia e combattere Al-Shabaab e hanno chiesto la piena attuazione del Piano di transizione somala per preparare le forze di sicurezza somale ad assumersi maggiori responsabilità da parte dell'AMISOM.
I partecipanti all'incontro di alto livello hanno convenuto che la riconfigurazione di AMISOM dovrebbe tenere conto delle condizioni stabilite nel piano di transizione, compresa la capacità della Somalia di generare forze capaci, responsabili ed economiche. I partecipanti hanno elogiato le operazioni in corso relative alla transizione nella Bassa Shabelle, dove l'esercito nazionale somalo (SNA) ha continuato le sue operazioni offensive, supportate dalle truppe AMISOM e dai partner internazionali, per conquistare il territorio e combattere Al-Shabaab.
I partecipanti si sono inoltre concentrati sulla necessità di rafforzare la governance e le riforme costituzionali, nonché sulla necessità di adottare entro la fine dell'anno e di applicare successivamente la legge elettorale in preparazione delle elezioni nazionali 2020/21.
I progressi in questa direzione aiuterebbero a mobilitare i donatori a sostegno degli sforzi finanziari del governo federale della Somalia nell'organizzazione delle elezioni. A questo proposito, i partecipanti hanno anche espresso preoccupazione per la sicurezza del processo elettorale, considerato un prerequisito per il suffragio universale. La necessità di un dialogo tra il governo federale della Somalia e gli Stati membri federali e l'impegno per la riconciliazione nazionale è stata sollevata come condizione per i progressi di cui sopra.
Altre questioni chiave sollevate dai partecipanti sono state:
- la necessità di coordinare il sostegno internazionale secondo le priorità stabilite dal governo federale della Somalia e in linea con il piano di sviluppo nazionale;
- Il desiderio di vedere la Somalia contribuire alla democrazia e alla stabilità nel Corno d'Africa;
- progressi sui parametri di riferimento per la riduzione del debito e la necessità per i creditori di effettuare i preparativi necessari al fine di entrare formalmente nel processo di riduzione del debito nel 2020, che porterà maggiori investimenti e crescita economica;
- la necessità per la comunità internazionale di finanziare integralmente il piano di risposta umanitaria della Somalia del 2019 per le Nazioni Unite e prepararsi ai bisogni umanitari;
- l'importanza della partecipazione delle donne e dei giovani in tutti gli aspetti della società e nel processo di costruzione della pace.
- l'importanza del regime di sanzioni in Somalia per tagliare finanziamenti e altre fonti di sostegno ad al-Shabaab;
L'incontro ad alto livello ha ribadito la necessità di sostenere la Somalia attraverso lo spettro delle sfide economiche, di sicurezza, politiche e umanitarie man mano che continua il suo periodo di transizione e precede il Forum di partenariato della Somalia che si terrà a Mogadiscio all'inizio di ottobre. Queste piattaforme forniscono un dialogo strategico e sottolineano l'unità e l'interesse della comunità internazionale nel garantire un futuro sicuro e prospero per la Somalia, in linea con la necessità di rafforzare il nesso di sviluppo umanitario, in linea con l'Agenda 2030 e gli obiettivi di sviluppo sostenibile (OSS), oltre all'Agenda 2063. Nel concludere osservazioni di sintesi, il ministro degli Esteri somalo Ahmed Isse Awad ha chiesto l'impegno continuo dei partner mentre il paese avanza su questi elementi fondamentali per garantire il successo della Somalia.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it