27 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

ONU: Intervento amb. Zappia su Ucraina

20-02-2019 20:15 - Ambasciate
GD - New York, 20 feb. 19 - Di seguito l'intervento della rappresentante permanente dell 'Italia alle Nazioni Unite, ambasciatrice Mariangela Zappia, alla Riunione Plenaria dell'Assemblea Generale sulla situazione nei territori dell'Ufficio temporalmente occupati.
"L'Italia aderisce pienamente alla dichiarazione rilasciata dall'Unione Europea. L'Italia ricorda il suo incrollabile sostegno alla sovranità, integrità territoriale, unità e indipendenza dell'Ucraina entro i suoi confini legali internazionalmente riconosciuti. Rimaniamo profondamente preoccupati per la crisi in Ucraina e nei dintorni e per il suo impatto sulla stabilità e sulla cooperazione in Europa. In qualità di Presidenza in carica dell'OSCE nel 2018, l'Italia non ha risparmiato sforzi per ristabilire la fiducia reciproca e facilitare il dialogo verso una soluzione duratura e sostenibile, assegnando la priorità assoluta all'alleviamento delle condizioni umanitarie della popolazione civile. La Presidenza italiana ha lavorato incessantemente per rafforzare la Missione speciale di monitoraggio dell'OSCE e ha cercato di trarre il massimo vantaggio dall'eccezionale piattaforma di dialogo offerta dall'OSCE, tra l'altro convocando due riunioni speciali del Consiglio permanente per discutere gli sviluppi della crisi e una riunione speciale dei direttori politici, a margine del Consiglio dei ministri dello scorso dicembre a Milano, per esplorare le vie per una missione di mantenimento della pace a pieno titolo delle Nazioni Unite in stretto coordinamento con l'OSCE.
In linea con la risoluzione 68/262 dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite, condanniamo e non riconosciamo l'annessione illegale della penisola di Crimea e ribadiamo la nostra massima preoccupazione per la militarizzazione in corso della penisola e dei mari di Azov.
Esortiamo il pieno rispetto del diritto internazionale umanitario e dei diritti umani nella penisola di Crimea, in linea con le risoluzioni dell'Assemblea generale delle Nazioni Unite 71/205, 72/190 e 73/263, che l'Italia ha sostenuto e co-sponsorizzato. Agli osservatori dei diritti umani e agli attori umanitari dovrebbe essere garantito un accesso completo e senza ostacoli.
L'Italia rimane fortemente impegnata a favore di una soluzione politica sostenibile basata sugli accordi di Minsk e ribadisce il nostro forte sostegno agli sforzi diplomatici nel formato Normandia, l'OSCE e il Gruppo di contatto trilaterale. Esortiamo tutte le parti a dimostrare sincero impegno e volontà politica a consentire negoziati in questi formati per riprendere slancio.
Non c'è alternativa agli accordi di Minsk. Chiediamo a tutte le parti di attuarle rapidamente e pienamente e condannare tutte le iniziative contrarie alla loro lettera e al loro spirito. Chiediamo alla Russia di assumersi le sue responsabilità in questo senso.
Chiediamo a tutte le parti di lavorare in buona fede per rispettare tutti i loro impegni, iniziando con l'instaurazione di un cessate il fuoco completo e completo, il ritiro di tutte le armi pesanti e il processo di disimpegno.
Il ruolo della missione speciale di monitoraggio dell'OSCE è essenziale. Il nostro supporto per SMM e i suoi osservatori è costante. L'SMM dell'OSCE deve avere accesso sicuro, sicuro, senza ostacoli e incondizionato in tutta l'Ucraina, conformemente al suo mandato.
La popolazione civile sta sopportando il peso più pesante. Il bilancio delle vittime di cinque anni di conflitto e la continua minaccia rappresentata dai bombardamenti e dalle mine ci ricordano che, nonostante tutti i nostri sforzi comuni, la pace non è ancora una realtà in Europa. È imperativo fermare la violenza, procedere immediatamente a rispettare tutti gli impegni di lotta contro le mine e garantire un accesso completo e senza ostacoli a tutti gli attori umanitari.
La vulnerabilità, in particolare degli anziani, e la perdita di vite umane nei punti di attraversamento sono inaccettabili. Devono essere intrapresi passi urgenti per facilitare l'attraversamento sicuro della linea di contatto ai civili, garantendo la sicurezza e l'accessibilità dei valichi esistenti e adottando misure per l'apertura di nuovi punti. La priorità deve essere data alla fornitura di servizi di base, garantendo la riparazione, la protezione e il funzionamento continuo delle infrastrutture civili critiche, e l'accesso alle prestazioni sociali e alle pensioni per tutti gli sfollati interni, come stabilito dalla Costituzione ucraina.
Il dialogo potrebbe non essere la scelta più semplice ma è l'unica scelta. lo scontro non è una soluzione. Non può essere sostenibile per la sicurezza della regione e certamente non è sostenibile per le persone. L'Italia continuerà, a livello bilaterale, all'interno dell'UE e nelle sedi multilaterali competenti, a fornire il proprio sostegno per intensificare gli sforzi diplomatici e umanitari per una soluzione pacifica".


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it