28 Settembre 2021
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Nord Corea: la figlia dell’ex ambasciatore a Roma disertore è stata “rimpatriata”

20-02-2019 13:07 - Ambasciate
GD - Pechino, 20 feb. 19 – Ritorsione familiare di Pyongyang nei confronti dell’ex diplomatico coreano in Italia. La figlia dell'ex ambasciatore nord-coreano a Roma, Jo Song-gil, è infatti stata "rimpatriata" in Corea del Nord dopo la diserzione del padre, negli ultimi mesi dello scorso anno. A riferirlo è l'ex numero due dell'ambasciata nord-coreana a Londra, Thae Yong-ho, che nel 2016 aveva anch'egli disertato e ora vive in Corea del Sud. Il diplomatico di Pyongyang, che sarebbe in cerca di asilo politico, "non è riuscito a portare con sé la figlia", ha detto Thae, citato durante un incontro con la stampa a Seul dall'agenzia France Presse.
L'ex diplomatico di Pyongyang il mese scorso aveva chiesto al Governo sud-coreano di proteggere Jo e lo aveva invitato a venire in Corea del Sud, un invito che oggi non riformulerebbe all'ex collega, dopo avere appreso la sorte della figlia. "La punizione che è inflitta a coloro i cui familiari sono andati in Corea del Sud è incomparabile a quella inflitta a chi ha avuto parenti che hanno disertato in altri Paesi", ha detto l'ex diplomatico.
Jo Song-gil era stato nominato incaricato d'affari all'ambasciata a Roma nel 2017, dopo l'espulsione del suo predecessore, Mun Jong-nam, in segno di protesta per l'ultimo test nucleare di Pyongyang.
La figlia di Jo viveva con i genitori a Roma prima della diserzione del padre, e sarebbe stata catturata dai servizi segreti nord-coreani prima che potesse fuggire assieme a lui, anche se non è chiaro in che modo sia stata riportata in Corea del Nord. Thae ha anche criticato il presidente degli Stati Uniti, Donald Trump, per "l'errore strategico" di avere dichiarato di voler "distruggere totalmente la Corea del Nord" al culmine della crisi missilistica e nucleare del 2017, soffiando sul fuoco di una possibile guerra nucleare di cui non esisteva una reale minaccia. "Era quello che Kim voleva", ha concluso. "Così il mondo ha deciso di parlare prima di pace che di denuclearizzazione della penisola coreana".
Sulla vicenda della figlia dell'ex ambasciatore nordcoreano a Roma, Jo Song-gil, “in queste ore stiamo facendo le verifiche necessarie". Lo ha detto il ministro degli Esteri, Enzo Moavero Milanesi, ricordando che "la Farnesina sta seguendo la vicenda da quando uscì tempo fa la notizia. Insieme ai servizi competenti per queste vicende delicate", ha proseguito, "stiamo normalmente portando avanti quelle che diventano le linee politiche nazionali rispetto a una questione di questo tipo, poi se ne trarranno le debite conclusioni".


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Utilizziamo i cookies
www.giornalediplomatico.it utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie. Se non desideri autorizzare l'utilizzo di tutti o una parte dei cookie, oppure se desideri approfondire l'argomento, consulta la
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari