08 Luglio 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Europa

Moscovici all'Aspen Institute, "Dialogo bilaterale franco-italiano: la politica economica di un'Europa che protegge"

20-10-2018 16:48 - Europa
GD - Roma, 20 ott. 18 - L'intervento di Pierre Moscovici, Commissario UE, all'Aspen Institute Italia, sul "Dialogo bilaterale franco-italiano: la politica economica di un'Europa che protegge".
Moscovici - "Sono molto lieto di essere qui oggi per discutere il tema cruciale della politica economica dell'Unione Europea ad un decennio dall'inizio della crisi finanziaria. Sì, dieci anni fa, la bancarotta della Lehman Brothers gettò l'economia mondiale in agitazione. Famiglie, aziende, banche e stati: nessuno è stato risparmiato.
Dieci anni dopo, è tempo di fare un passo indietro e imparare dalle nostre azioni.
Iniziamo con una nota positiva: la crisi economica è decisamente alle nostre spalle. Oggi l'economia europea è più resiliente e più forte rispetto al 2008. La crescita è tornata ed è forte; le nostre previsioni economiche lo confermano trimestre dopo trimestre! È al suo massimo livello in un decennio e il tasso di disoccupazione è tornato ai livelli pre-crisi. La zona euro non ha mai avuto un tasso di occupazione così elevato. Per la prima volta dalla creazione dell'area dell'euro 20 anni fa, tutti i paesi che condividono la nostra moneta comune sono al di sotto del deficit del 3%. La media è addirittura inferiore all'1%. Questa è una grande notizia! Infine, la Grecia, simbolo doloroso di questa crisi, ha abbandonato il suo programma di assistenza finanziaria lo scorso agosto e ha avviato la strada della standardizzazione.
Solo pochi giorni fa, i 19 Stati membri dell'area dell'euro hanno inviato alla Commissione i loro progetti di piani di bilancio per l'anno 2019. Esamineremo ora la loro conformità agli impegni del bilancio europeo, in particolare per quanto riguarda la riduzione del disavanzo strutturale, essenziale per una riduzione sostenibile del debito pubblico che ancora grava pesantemente sulle nostre economie. Come ho fatto ieri con le autorità italiane qui a Roma, terrò un dialogo costruttivo con ciascuno Stato membro per garantire che rimangano impegnati in solidi percorsi di bilancio. Lo farò nell'interesse dei cittadini della Zona Euro e della sua stabilità perché l'esperienza degli ultimi anni ci ha dimostrato che un'applicazione intelligente delle norme può stimolare la crescita e la creazione di posti di lavoro, riducendo al contempo deficit e alla fine il debito.
Sebbene economicamente l'Europa abbia raramente fatto altrettanto bene, lo stesso non si può dire politicamente. Questo è il grande paradosso del periodo attuale e uno dei limiti del confronto con gli anni '30: stiamo affrontando una crisi di natura molto speciale e senza precedenti, ben diversa dai disordini finanziari menzionati sopra. È una crisi politica, potenzialmente molto più destabilizzante per l'Unione europea.
Quali sono le manifestazioni di questa crisi politica? In tutta Europa, i cittadini europei scelgono di esprimere le proprie frustrazioni e delusione per l'attuale funzionamento dei sistemi politici nazionali e dell'Unione europea. Preferiscono rivolgersi a nuove formazioni politiche controverse, fortemente contrarie all'Unione europea e alcune delle quali utilizzano tesi nazionaliste o sovraniste.
Oggi, la maggior parte degli stati rivendica i propri interessi nazionali, in assenza di una visione comune. La solidarietà è un valore in diminuzione e le divisioni politiche tra gli Stati membri sono in aumento. Alcuni esempi. Per quanto riguarda la gestione dei flussi migratori, gli Stati membri si astengono dal non riesaminare il regolamento sull'asilo di Dublino lasciando un piccolo gruppo di paesi soli di fronte a questa crisi, oppure propongono soluzioni contrarie all'aspirazione e la vocazione umanistica dell'Unione Europea.
Sulle questioni economiche e fiscali, per le quali sono responsabile della Commissione, siamo paralizzati in un dibattito sterile tra i campi di riduzione del rischio e di ripartizione del rischio, bloccando l'approfondimento dell'Unione economica e monetaria. indispensabile a medio termine.
Per dirla in altro modo: stiamo attraversando una crisi del fare-insieme. La crisi economica, in particolare il salvataggio collettivo della Grecia, la creazione dell'Unione bancaria e il rafforzamento del quadro fiscale hanno dimostrato che aggregando i nostri punti di forza siamo in grado di superare molte difficoltà. Eppure oggi sembra che abbiamo perso il senso del bene comune.
Come spiegare ciò che appare a molti come un'impasse politica? Come spiegare le nostre difficoltà ad agire insieme?
Penso che la nostra gestione della crisi economica spieghi le tensioni politiche in Europa. La crisi ha costretto l'Unione a rispondere alle circostanze, in fretta. Con sostanziali progressi altrove, che ha permesso il ritorno della crescita economica. Tuttavia, a mio parere, abbiamo commesso errori strategici che stiamo pagando oggi.
Il primo errore è avere privilegiato, senza necessariamente saperlo, l'efficacia della decisione economica nella sua dimensione democratica. Sebbene le regole per rafforzare la zona euro siano state decise democraticamente dal Consiglio e dal Parlamento europeo, la loro attuazione è discussa dietro le porte chiuse dell'Eurogruppo, senza essere responsabile nei confronti dei cittadini. L'ho già denunciato: decidere il destino di milioni di cittadini - come è avvenuto in particolare per i greci - senza spiegarlo al Parlamento europeo o al Parlamento greco è stato un vero scandalo democratico. Sfortunatamente, sono stato uno dei pochi ad andare regolarmente ad Atene per ascoltare e spiegare. Ciò legittimamente alimentava un forte senso di incomprensione e persino di ingiustizia da parte loro. Lo dico con forza quando inizierà la campagna elettorale per le donne europee: non ci possono essere progressi nella governance economica europea senza introdurre principi democratici. Senza questo, i cittadini si rifiuteranno di mettere in atto decisioni indiscusse.
Il secondo e probabilmente più importante errore è quello di non essere in grado di proteggere i cittadini europei più vulnerabili durante un periodo incredibilmente difficile. Se la crisi è ormai alle nostre spalle, ha lasciato segni indelebili nelle nostre società: le disuguaglianze sociali e territoriali sono aumentate considerevolmente e divengono fattori di divisione tra gli europei, e un terreno molto fertile per i populisti di destra e di sinistra .
Le disparità tra gli Stati membri dell'area dell'euro colpiscono oggi: in Grecia, il tasso di disoccupazione è al 19% mentre è solo il 3,5% in Germania; in Italia il debito pubblico è al 130% del PIL mentre scende sotto il 60% del PIL in Germania.
E l'Italia? Non insegno a nessuno in questa assemblea, la crisi economica ha fatto sprofondare questo meraviglioso Paese in un periodo buio, dal quale non è ancora completamente uscito. Infatti, se l'economia italiana sta andando meglio, è anche segnata da un'esplosione di disuguaglianze tra regioni, tra categorie sociali, tra generazioni. L'Italia continua a vedere il divario tra ricchi e poveri allargarsi e ottiene il triste record della prima posizione europea per il numero di poveri con oltre 10 milioni di persone che hanno difficoltà a far fronte a spese impreviste, alloggiare o guarire.
In breve, la crescita è tornata, ma non tutti stanno raccogliendo i frutti.
È quindi imperativo rompere con la spirale delle disuguaglianze e affrontare il più rapidamente possibile queste crescenti differenze all'interno e tra i paesi. La zona euro può sopravvivere solo se la prosperità è condivisa e tutti si sentono sostenuti dal dinamismo dell'euro. Perché? Perché comportano il rischio di una dislocazione e una frattura della zona euro, tra coloro che prosperano e quelli che prendono il secondo posto. Non è troppo tardi, ma dobbiamo agire con determinazione.
È quindi essenziale mettere in atto strumenti per rafforzare la zona euro. Questi strumenti devono trarre insegnamenti dalla nostra esperienza della crisi, sia in termini di funzionamento della democrazia delle nostre istituzioni che in termini di rilevanza delle regole. Identifico alcuni progetti prioritari.
Innanzi tutto, l'Unione bancaria manca ancora del suo terzo pilastro: un sistema europeo di garanzia dei depositi bancari. Molto è già stato fatto durante la crisi finanziaria per istituire questa unione bancaria, ma il compito non è completo. È imperativo concludere questo lavoro per spezzare il circolo vizioso tra crisi bancaria e debito sovrano. Entro dicembre, dovremo concordare una road map per i negoziati politici su questo tema, che è l'ultimo tassello del puzzle di un sistema bancario più forte e più resiliente.
In secondo luogo, dobbiamo iniettare più democrazia nel funzionamento del meccanismo europeo di stabilità. Chiedo che sia integrato nel diritto comunitario e per la creazione di un ministro delle finanze europeo, che presiederà le decisioni del meccanismo. Anche questo ministro delle finanze dovrebbe essere democraticamente confermato e rendere conto al Parlamento europeo, per garantire trasparenza e controllo democratico.
Per questo motivo, nella sua proposta di bilancio pluriennale per il periodo 2021-2027 pubblicato lo scorso maggio, la Commissione europea ha presentato due strumenti intesi ad affrontare le persistenti debolezze nell'area dell'euro. Il più promettente è uno strumento di solidarietà fiscale, il primo per l'area dell'euro, che proteggerà gli investimenti pubblici in caso di forti shock asimmetrici attraverso prestiti. Infine, a livello personale e di medio termine, penso che il progetto di convergenza a all'interno dell'area dell'euro dovrà tener conto delle politiche salariali. I salari sono al centro degli squilibri dell'area dell'euro e possiamo muoverci verso la coesione tra i suoi membri solo una volta affrontato questo problema. Le nostre proposte sono sul tavolo, ma i progressi sono ancora lenti - troppo lenti - e gli Stati membri stanno lottando per raggiungere il consenso. La pressione della crisi è alle spalle e la paura della prossima crisi non è ancora percepita come un fattore di mobilitazione.
Spero che gli Stati membri possano compiere progressi sostanziali nei prossimi mesi. Perché è solo a livello europeo che possiamo affrontare collettivamente le sfide del nostro tempo e proteggere gli interessi dei nostri consumatori e delle nostre imprese in un'economia globalizzata.Nel 1954, Jean Monnet ha spiegato che "i nostri paesi sono diventati troppo piccoli per il mondo di oggi, sulla scala dei moderni mezzi tecnici, per la misura d'America e Russia oggi, di Cina e India domani".
In un mondo in cui il multilateralismo come lo abbiamo conosciuto dalla fine della 2a guerra mondiale viene messo in discussione, dove i rischi politici crescono, è solo su scala europea che gli Stati membri saranno in grado di far sentire la propria voce. e garantire la protezione dei 500 milioni di europei, ecco perché non smetterò di lottare per difendere questa Europa, che rimane, nonostante tutti i suoi difetti e le sue debolezze, il nostro più grande patrimonio. Solo pochi mesi prima delle prossime elezioni, le forze europeiste devono agire insieme per delineare la forma di un'Europa desiderabile e ambiziosa, che da sola sarà in grado di riconciliare i cittadini con l'Unione e convincerli della sua utilità. Sono profondamente convinto di essere capaci ma dobbiamo agire rapidamente perché il tempo stringe!".


Fonte: Aspen Institute
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
ACCEDI

NON SONO REGISTRATO

crea account