13 Dicembre 2019
[]
[]

News
percorso: Home > News > Persone

La Soc. Dante Alighieri a Buenos Aires dal 18 luglio per l’83^ Congresso Internazionale

11-07-2019 17:13 - Persone
GD - Buenos Aires, 11 lug. 19 - L’83° Congresso Internazionale della Società Dante Alighieri si terrà tra giovedì 18 e sabato 20 luglio 2019 all’interno dell’Universidad Católica Argentina. A Buenos Aires, sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica Italiana, il Sistema Italia sarà rappresentato anche attraverso il programma governativo “Vivere all’Italiana”, con il Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, e il Forum Italia-Argentina “Cult & Tech”, con ICE-Agenzia e il Ministero dello Sviluppo Economico.
Il grande evento Paese, dal titolo Italia, Argentina, mondo: l’italiano ci unisce, pone al centro la promozione della cultura e la diffusione della lingua italiane, la crescita e lo sviluppo dell’Italia con le sue industrie culturali: editoria, cinema e audiovisivo, restauro e smart cities.
«Occorre creare sempre più una rete di simpatia attorno all’Italia e al mondo italiano» dichiara il Presidente della Società Dante Alighieri Andrea Riccardi. «Italsimpatia significa connettere pezzi d’Italia facendo sistema, creando sinergie e progetti concreti per promuovere l’identità italiana. Abbiamo il desiderio di ascoltarci e dialogare su un orizzonte internazionale, dove la Dante si presenta come uno strumento rinnovato per promuovere il mondo in italiano e il sistema Italia nel mondo».
Tra le molte autorità italiane e argentine, il 18 luglio sarà presente il Ministro argentino dell’Istruzione, della Cultura, della Scienza e della Tecnologia Alejandro Oscar Finocchiaro. In evidenza il valore della buona comunicazione per l’immagine positiva dell’Italia grazie alla presenza di due grandi comunicatori: il giornalista argentino Luis Novaresio, recentemente insignito dell’onorificenza di “Cavaliere dell'Ordine della Stella d'Italia”, e l’italiano Ferruccio De Bortoli, che interverrà con una lectio magistralis. Sarà presente anche l’attore, produttore e regista Giulio Base.
Nel corso dei lavori congressuali, in collaborazione con Rai Teche, i congressisti potranno inoltre assistere in esclusiva alla proiezione integrale di un’ampia intervista ad Andrea Camilleri.
Saranno inoltre condivise le migliori pratiche della rete Dante per la promozione linguistica e culturale. Il 17 luglio è in programma una giornata di formazione per i docenti di italiano organizzata dal PLIDA della Società Dante Alighieri. Sotto l’insegna dell’italiano che unisce, nella giornata conclusiva di sabato 20 luglio si terrà la tavola rotonda Da Dante a Borges, una conversazione tra il Segretario Generale della Dante Alessandro Masi, la Presidente della Fondazione e del Museo Borges Maria Kodama e il Presidente della Fondazione Sur Juan Negri.
Il 21 luglio, il Presidente Andrea Riccardi inaugurerà la mostra Lucio Fontana. Los Orígines, nella sede del Museo Castagnino di Rosario, la città di origine dell’artista celebrato nel mondo per i suoi “tagli” e per lo Spazialismo. L’esposizione, realizzata con il Patrocinio del Ministero dei Beni e delle Attività culturali e con la collaborazione del Centro Studi e Archivio della Comunicazione dell’Università di Parma e del Comitato della Dante di Rosario, si potrà visitare sino al 21 agosto 2019.
Alessandro Masi, Segretario Generale della Dante, ha sottolineato che “sarà un Congresso che celebra i 130 anni della nascita della Dante. Il primo Congresso organizzato fuori dal continente europeo. Il primo che metterà il focus sui rapporti tra l’Italia e l’Argentina”.
Masi ha poi messo in evidenza i “Rapporti secolari, di amicizia, di conforto anche umano. Tanti nostri emigrati sono andati in Argentina a cercare la fortuna per il proprio futuro, altri hanno costruito la loro famiglia, altri hanno ‘costruito palazzo’, come Palazzo Barolo a Buenos Aires, hanno costruito tantissimo e hanno dato molto alla cultura argentina.
Dante Alighieri stesso è stato un punto di incontro per Borges e per la cultura italiana”.
Masi ha inoltre rilevato “i motivi per cui il nostro presidente Andrea Riccardi ha indicato nel titolo che ha voluto ‘Italia, Argentina, mondo: l’italiano ci unisce’ “un titolo che raccoglie molto bene questo sentimento di amicizia. Per chi come noi verrà dall’Italia, dall’Europa, dal resto del mondo, troverà una Buenos Aires e una Rosario pronte ad ospitarci. Sono città magnifiche. Città che stanno costruendo un grande futuro. Ci sarà poi, oltre al Congresso a Puerto Madero all’Università Cattolica di Buenos Aires, una grande mostra a Rosario su Lucio Fontana, un italiano-argentino che tutta la storia dell’arte mondiale ha diviso tra le due nazioni”.
Insomma, ha concluso Masi, “sarà un grande evento dove verrà celebrata la nostra cultura”.



Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it