08 Agosto 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Italia restituisce ad Egitto 23 mila monete e reperti archeologici di grande valore recuperati dai Carabinieri

27-06-2018 17:51 - Ambasciate
GD - Roma, 27 giu. 18 - I Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale hanno restituito oggi alle autorità egiziane circa 23 mila monete antiche di bronzo e d´argento di varia tipologia nonché di 195 reperti archeologici di epoca compresa tra il predinastico e il periodo tolemaico, di inestimabile valore, quali maschere funerarie, anfore, pettorali dipinti su garza, sculture lignee, bronzi, statuette di Oshabti, coperchio di sarcofago, oggetto di scavo clandestino nel sud dell´Egitto.
I Carabinieri avevano recuperato lo straordinario "tesoro" nel maggio dello scorso anno nell´area doganale del porto di Salerno nel corso di un controllo, in collaborazione con i funzionari dell´Agenzia delle Entrate e la Soprintendenza salernitana, su un container apparentemente destinato al trasporto di sole masserizie.
Il prezioso materiale è stato restituito dal Comandante dei Carabinieri per la Tutela del Patrimonio Culturale, generale di Brigata Fabrizio Parrulli, al Ministero dell´Antichità della Repubblica d´Egitto, rappresentato dall´ambasciatore, Hesham Badr, dal prof. Mohamed Ezzat, dirigente procuratore nel gabinetto del procuratore generale egiziano, con il quale vi è stata piena collaborazione, e dal prof. Moustafa Waziry, segretario generale del Consiglio Supremo delle Antichità in Egitto.
Tutti i reperti, esaminati congiuntamente da consulenti italiani ed esperti provenienti dall´Egitto, sono stati giudicati originari dell´antica città di El Miniya, a 250 km a sud della capitale Il Cairo dove, proprio nel febbraio 2018, il Ministro delle Antichità Egiziano ha annunciato la scoperta di un´eccezionale necropoli, contenente un complesso funerario, di oltre 1000 statue e 40 sarcofagi, verosimilmente di epoca compresa tra il 672 e il 332 a.C.
La restituzione dei reperti testimonia ancora una volta l´importanza fondamentale che riveste la cooperazione internazionale anche per i successivi sviluppi investigativi.

di Carlo Rebecchi


Fonte: Carlo Rebecchi
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it