24 Novembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Politica

Il sociologo Domenico De Masi a confronto con i giornalisti della Stampa Estera

06-04-2018 19:49 - Politica
Il giornalista Gustav Hofer intervista il prof. De Masi (foto G. Nitti)
Il giornalista Gustav Hofer intervista il prof. De Masi (foto G. Nitti)
GD – Roma, 6 apr. 18 - Beppe Grillo e Davide Casaleggio hanno commissionato tempo fa al prof. Domenico De Masi, sociologo del lavoro, tra i più stimati accademici italiani in materia di occupazione e vicino al Movimento politico, una ricerca, dal titolo "Lavoro 2025" sul probabile futuro e prospettive del mondo lavorativo in Italia. Ne è nato un rapporto di oltre 300 pagine che Luigi Di Maio ha descritto come "la prospettiva sulla quale il Movimento intende sviluppare il proprio programma sul lavoro".
De Masi ha incontrato i giornalisti dell´Associazione Stampa Estera a Roma, dando vita ad un interessante dibattito e confronto sulle tematiche più attuali nella vita politica e sociale italiana, connesse anche all´interesse derivante dal successo elettorale di un Movimento che, in meno di 10 anni, è salito alla ribalta ed alle leve di governo di molte istituzioni italiane.
In particolare, molti interrogativi sono stati posti dai giornalisti sui contenuti del cosiddetto ´reddito di cittadinanza´ che costituisce uno dei punti chiave del programma politico del M5S. De Masi ha chiarito come la sua proposta differisca sostanzialmente da quella del Movimento, che sarebbe più esatto definire ´reddito d´inclusione´. Ma questo intervento di sostegno al reddito ed alla ricerca di un´occupazione in Italia si scontra contro l´obsolescenza delle infrastrutture che dovrebbero aiutare nella ricerca del lavoro per cui, stante i criteri che dovrebbero guidare la misura proposta dai 5S, la sua realizzazione diventerebbe estremamente difficile, mentre i bisognosi non possono aspettare anni che siano riformati e resi utili i centri per l´impiego ed analoghe istituzioni.
Per ovviare a questo problema, De Masi ha messo in evidenza che la sua ipotesi, questa sì definibile ´reddito di cittadinanza´, sia un beneficio assegnato a tutti coloro che ne abbiano necessità da subito. Per De Masi, quindi "tanto varrebbe, a questo punto, dire che tutti i disoccupati prendano una stessa cifra, a prescindere dalla loro condizione economica. Per alcuni sarebbe un´ingiustizia, perché i più agiati non se lo meriterebbero. Ma costoro è più difficile che rimangano disoccupati, e qualcuno il reddito nemmeno lo chiederebbe. Questo, però, è l´unico modo in cui si riesce a fare tutto rapidamente: basta che, nel momento in cui licenzia il lavoratore, si informi l´ufficio addetto e lui da quel giorno percepirebbe il reddito. Almeno in una prima fase, finché non ci realizzino efficienti centri per l´impiego, è meglio il reddito di cittadinanza. L´equivoco nasce dal fatto che la proposta di legge del M5S venne definita reddito di cittadinanza, mentre non lo è".
Il prof. De Masi ha elaborato il suo paradigma partendo dal pensiero di maestri come Alexis de Tocqueville, Karl Marx, Frederick W. Taylor, Daniel Bell, André Gorz, Alain Touraine, Agnes Heller e approdando a contenuti originali in base a ricerche centrate soprattutto sul mondo del lavoro. Ha diffuso le sue idee attraverso libri, saggi, articoli, corsi universitari, seminari, conferenze e trasmissioni radio-televisive. Qui di seguito sono sintetizzati i punti essenziali del suo paradigma: la società postindustriale, gli aspetti socio-economici, i bisogni emergenti, i nuovi soggetti sociali, la creatività, il lavoro, il telelavoro, l´ozio creativo, il tempo libero, i paradossi sociali e aziendali.
Per una descrizione esauriente del paradigma elaborato e diffuso da De Masi, si rinvia a tre suoi testi La fantasia e la concretezza, Il futuro del lavoro, Ozio creativo, tutti pubblicati da Rizzoli.
Durante la chiacchierata coi rappresentanti dei mass media esteri, De Masi ha anche annunciato l´imminente conclusione di un suo nuovo saggio, sempre su queste tematiche, di notevole impegno, essendo previste non meno di 800 pagine!

http://www.domenicodemasi.it/




Fonte: Gianfranco Nitti
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it