25 Settembre 2021
[]
News
percorso: Home > News > Politica

Il Governo di Francia richiama l'ambasciatore in Italia per consultazioni

07-02-2019 16:59 - Politica
GD - Parigi, 7 feb. 19 - La Francia ha richiamato il suo ambasciatore in Italia per consultazioni in seguito "agli attacchi senza precedenti del governo italiano". Lo riferisce il ministero degli Esteri francese. Il diplomatico di Parigi, Christian Masset, è arrivato a Roma il 6 settembre 2017.
"Le ultime ingerenze sono una provocazione ulteriore e inaccettabile, violano il rispetto dovuto all'elezione democratica fatta da un popolo amichevole e alleato e il rispetto che i governi democratici e liberamente eletti si devono reciprocamente", ha detto il ministero degli Esteri francese con una dichiarazione ufficiale.
Ed ha aggiunto che "per diversi mesi la Francia è stata oggetto di ripetute accuse, attacchi infondati e pretese assurde", ha aggiunto il governo francese, definendo gli attacchi "senza precedenti" dalla fine della Seconda Guerra Mondiale.
Il ministro degli Esteri italiano, Enzo Moavero Milanesi, da Montevideo (dove partecipa alla riunione del Gruppo di Contatto sul Venezuela) ha detto che che "al rientro a Roma del presidente del Consiglio dalla sua missione all’estero, sono certo che verrà esaminata, con la massima attenzione, la decisione del Governo francese di richiamare a Parigi per consultazioni l’ambasciatore Christian Masset". Ed ha aggiunto che "Francia e Italia sono nazioni alleate e profonda è l'amicizia fra i due Popoli. La difesa e il confronto sui rispettivi interessi e punti di vista, nonché il dibattito politico per le prossime elezioni per il Parlamento Europeo, non possono incidere e non incideranno sulle solide relazioni che ci uniscono da decenni".
Immediata la replica di Matteo Salvini: "Non vogliamo litigare con nessuno, non siamo interessati alle polemiche: siamo persone concrete e difendiamo gli interessi degli italiani. Siamo disponibilissimi a incontrare il presidente Macron e il Governo francese, sederci a un tavolo e affrontare, per quanto riguarda le mie competenze, tre questioni fondamentali".
La notizia della decisione del Quai d'Orsay ha subito avuto grande risalto sui media francesi alla decisione della Francia di richiamare l'ambasciatore italiano, in seguito a quelli che secondo il sito on line dell'emittente France24 sono stati "i peggiori attacchi verbali dai tempi della guerra".
Anche l'autorevole 'Le Monde' apre la sua homepage con la notizia della crisi fra i due Paesi, mettendo in risalto "gli attacchi senza precedenti" che da parte italiana sarebbero stati rivolti a Parigi, ricordando come già mercoledì il Quai d'Orsay avesse definito "una provocazione inaccettabile" l'incontro tra il vicepremier italiano "e capo politico del movimento 5Stelle" Luigi Di Maio con alcuni rappresentanti dei gilet gialli in Francia.
Il principale quotidiano francese parla di affermazioni "di rara violenza" nei confronti dell'esecutivo francese da parte di Di Maio e del ministro dell'Interno Matteo Salvini, "il quale ha detto di sperare che il popolo francese si liberi al più presto di un pessimo presidente". Espressioni, secondo 'Le Monde', "totalmente inedite tra rappresentanti dei due Paesi fondatori dell'Ue".
Di una "inedita situazione dai tempi della seconda guerra mondiale" parla anche 'Liberation', mentre 'Le Figaro' mette in risalto le dichiarazioni della portavoce del Quai d'Orsay, secondo cui "la campagna per le elezioni europee non può giustificare la mancanza di rispetto per un popolo o la sua democrazia", parlando di atti che "che mette in discussione le intenzioni del governo italiano per quel che riguarda suo rapporto con la Francia".
Apertura dedicata all'Italia anche per il sito del quotidiano economico 'Les Echos', mentre 'L'Express' titola "Basta! Crisi Italia-Francia".


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
Media partnership

Realizzazione siti web www.sitoper.it
close
Utilizziamo i cookies
www.giornalediplomatico.it utilizza cookie propri al fine di migliorare il funzionamento e monitorare le prestazioni del sito web e/o cookie derivati da strumenti esterni che consentono di inviare messaggi pubblicitari in linea con le tue preferenze, come dettagliato nella Cookie Policy. Per continuare è necessario autorizzare i nostri cookie. Cliccando sul pulsante ACCONSENTO, acconsenti all'uso dei cookie. Ignorando questo banner e navigando il sito acconsenti all'uso dei cookie. Se non desideri autorizzare l'utilizzo di tutti o una parte dei cookie, oppure se desideri approfondire l'argomento, consulta la
Cookie Policy - Privacy Policy
Accetta i cookies necessari