03 Dicembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Farnesina

Farnesina: terza seduta annuale Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo

06-09-2018 17:42 - Farnesina
Il viceministro Emanuela Del Re
GD - Roma, 6 set. 18 - Alla Farnesina si è svolta la terza seduta annuale del Comitato Congiunto per la Cooperazione allo Sviluppo. La riunione, i cui lavori sono stati aperti dal ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale, Enzo Moavero Milanesi, è stata presieduta dal viceministro con delega alla cooperazione Emanuela Del Re.
Il Comitato era chiamato a deliberare su contributi a organismi e agenzie specializzate e contributi bilaterali, per un importo complessivo superiore ad 83 milioni di euro.
In dettaglio, sono stati approvati nove interventi a favore di Paesi africani (Guinea Conakry, Egitto, Mozambico, Tunisia, Sudan e un intervento regionale) per oltre 56 milioni di euro; sei interventi in Paesi del Medioriente (Giordania, Palestina, Libano, Siria) per circa 9 milioni di euro; un intervento in Asia (Pakistan) del valore di 1 milione di euro; tre in America Latina (Colombia, El Salvador, Bolivia) per circa 10 milioni; e un bando per l´educazione alla cittadinanza globale del valore di 7 milioni di euro.
Nel corso della riunione è stata inoltre presentata una nota informativa per illustrare il quadro degli interventi suscettibili di essere finanziati ai sensi dell´art. 8 della Legge 125/2014, con crediti concessionali a valere su un fondo costituito presso Cassa Depositi e Prestiti.
È stata pure analizzata una nota informativa, di Cooperazione delegata, sull´andamento e sui risultati conseguiti nella gestione dei programmi di cooperazione assegnati dalla Commissione europea alla Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo della Farnesina dal 2013 ad oggi. Si tratta di un portafoglio complessivo pluriennale di 144,7 milioni di euro ripartiti su 14 programmi in 11 Paesi, che collocano l´Italia nel gruppo di punta degli Stati Membri esecutori della cooperazione europea, nonché terzo paese assegnatario di fondi UE dal Trust Fund della Valletta per progetti volti ad affrontare le cause profonde delle migrazioni in Africa sub-sahariana e Libia. Contemporaneamente, l´Italia si conferma partner impegnato anche in Medio Oriente, come dimostrano gli interventi in Giordania, Libano e Palestina, e in America Latina, con l´approvazione di programmi in Colombia, El Salvador e Bolivia.
Nel suo intervento il viceministro Emanuela Del Re ha sottolineato come il nostro Paese sia un "gigante" della cooperazione allo sviluppo nel panorama internazionale. "Le sfide cui la cooperazione allo sviluppo dovrà fare fronte sono molteplici: lotta alla povertà, alle diseguaglianze, empowerment delle donne, diritti, pace e sicurezza, risposta alle crisi umanitarie, salute globale. Ciò presuppone una più efficace sincronizzazione tra indirizzi strategici, obiettivi e priorità. Su questo stiamo già lavorando", ha detto.
Nel sottolineare la particolare attenzione dedicata all´Africa, "il cui sviluppo è strategico per il futuro dell´europa", la Del Re ha inoltre avuto modo di porre in evidenza l´importanza del concetto di "sviluppo condiviso", in base al quale "cooperare vuol dire condividere percorsi di sviluppo reciprocamente vantaggiosi" sulla base di strategie elaborate insieme ai beneficiari e come previsto dall´agenda 2030.
"L´Italia e gli Italiani", ha concluso il viceministro, "possiedono valori e sensibilità che possono arricchire il nostro modo di fare cooperazione. Ciò costituisce un importante valore aggiunto del nostro aiuto pubblico allo sviluppo che ci impegneremo a diffondere e valorizzare al meglio".


Fonte: Ministero degli Esteri
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it