04 Dicembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Farnesina

Farnesina: al via la prima "Rassegna del Contemporaneo - Contemporary Art"

10-10-2018 17:32 - Farnesina
GD - Roma, 10 ott. 18 - La "Giornata del Contemporaneo" cambia nome e diventa internazionale: da quest´anno viene promossa anche dal ministero degli Esteri e della Cooperazione internazionale (Maeci) e per la sua XIV edizione si rilancia con un nuovo nome, diventando "prima rassegna internazionale "Giornata del Contemporaneo - Contemporary Art". Dal´8 al 13 ottobre oltre 80 eventi, dibattiti, mostre mettono a fuoco il tema della cultura artistica contemporanea cercando di porre in evidenza non solo artisti e opere ma anche produttori, curatori, allestitori, direttori di musei, critici, riviste e libri d´arte. All´iniziativa aderiscono circa tra ambasciate, consolati e istituti italiani di cultura.
La rassegna è stata presentata alla Farnesina da Vincenzo De Luca, direttore generale per la Promozione del Sistema Paese della Farnesina; Federica Galloni (MIBACT); Gianfranco Maraniello, presidente dell´AMACI; Marcello Maloberti, autore dell´immagine guida della Giornata del Contemporaneo2018 e Alessandro Masi, Segretario Generale della società Dante Alighieri.
L´ attività di valorizzazione dell´arte e della cultura italiana contemporanea all´estero, è stato sottolineato, punta a porre in evidenza l´intero ´sistema´ produttivo dell´arte contemporanea in Italia.
La Farnesina ha una propria collezione che si compone oggi di oltre 430 opere e più di 200 artisti, per un valore di mercato assicurato di oltre 20 milioni di euro. Si parte dal Futurismo e si arriva alla Transavanguardia attraverso le opere di Balla, Boccioni, Depero, de Chirico, Carrà, Sironi, Guttuso, Afro, Burri, Fontana, Schifano, Vespignani, Paladino. Un patrimonio artistico che nel 2017 è stato insignito del premio "Mecenati del XXI secolo" come ´miglior collezione d´arte al mondo negli uffici pubblici´.

di Carlo Rebecchi



Fonte: Carlo Rebecchi
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it