04 Agosto 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Cuba: discorso dell'ambasciatore per Festa Nazionale e 60° anniversario della Rivoluzione

17-01-2019 15:00 - Ambasciate
GD - Roma, 17 gen. 19 - Questo il testo dell'intervento dell'ambasciatore di Cuba in Italia, José Carlos Rodríguez Ruiz, una ricostruzione storica ma anche una proiezione prospettica dell'Isola caraibica, in occasione della Festa Nazionale di Cuba e del 60° anniversario della Rivoluzione cubana.
"Saluto tutti i presenti, saluto le autorità d'Italia, la Santa Sede e le organizzazioni internazionali con sede a Roma, che sono con noi oggi. Saluto gli ambasciatori e gli altri rappresentanti del Corpo Diplomatico accreditato presso la Repubblica italiana, la Santa Sede, nonché alla FAO, al PAM e all'IFAD. Saluto tutti i cubani che vivono in Italia, rispettosi amanti della loro terra, che sono stati felici di condividere questa festa con noi. Saluto ciascuno dei rappresentanti di diversi settori della società italiana, uomini d'affari, artisti, intellettuali, scienziati, accademici.
Saluto i membri e leader dei partiti politici e delle forze, così come l'ampio movimento di solidarietà con Cuba dal 1961, che costantemente ha dato segni inconfutabili del loro sostegno e simpatia per il popolo cubano e per la lotta rivoluzionaria che abbiamo intrapreso in 1959 e abbiamo difeso senza tregua.
Vorrei anche esprimere il saluto speciale al presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, cui va la più alta considerazione e il saluto delle autorità e il popolo cubano, che desiderano il benessere per l'amato popolo d'Italia in questo 2019 e nei prossimi anni.
Carissimi, il primo gennaio 1959 è una data di significato trascendente per Cuba. Dopo una lotta clandestina in città e guerriglia nella Sierra Maestra, si è aperta la Rivoluzione cubana, organizzata e guidata da Fidel Castro Ruz, avviando una nuova e cruciale fase della storia nazionale e continentale. Oltre a liberarci di una dittatura sanguinosa, allo stesso tempo ci siamo sbarazzati dell'influenza fiscale di Washington. David, determinato, affrontò Golia.
I primi 60 della Rivoluzione sono stati utili per forgiare la sovranità nazionale di uno Stato ancora giovane e lo sviluppo più a lungo e costante di un periodo di 150 anni di battaglie per l'indipendenza.
Non può essere questa commozione, in occasione della Festa Nazionale della Repubblica di Cuba, con la connotazione speciale di coincidere con il 60° anniversario della Rivoluzione cubana, un momento puramente cerimoniale. Durante questi ultimi sei decenni, abbiamo messo in palio le destinazioni casuali e gli avversari più pericolosi.
Sessant'anni fa abbiamo cominciato e da allora abbiamo fatto il nostro cammino e lavorato con un enorme carico di difficoltà, che hanno reso il percorso più difficile. Ma nessuno è stato in grado di farci rinunciare al nostro impegno di costruire ogni giorno una società più giusta e sostenibile, una società di equità per tutti e l'onore nazionale; una società con una profonda vocazione fraterna per le altre nazioni, che ha sempre saputo condividere ciò che ha, non ciò che è rimasto; una società che sa rispettare gli altri e che pretenderà sempre rispetto per se stessa.
In questi tempi dobbiamo ricordare che contro la ribellione e la resistenza cubana si è provato di tutto: un blocco economico, commerciale e finanziario da parte degli Stati Uniti, che ancora persiste ed è rinforzato. La sovversione interna ed esterna è stata fomentata contro l'ordine costituzionale, legittimamente e sovranamente assunto dal popolo cubano; attacchi terroristici organizzati e finanziati dall'estero; l'invasione militare di Playa Girón; i sabotaggi economici. Centinaia di piani furono organizzati per assassinare i leader cubani; sono state lanciate epidemie contro umani, piante e animali. Le campagne di diffamazione sono state scatenate e gli orientamenti editoriali persistono politicamente diretti contro il non riconoscimento dei risultati e dei meriti di Cuba.
Inoltre, molti altri fattori influenzano anche noi, come gli shock climatici, che ci colpiscono ciclicamente in modo devastante creando difficoltà incommensurabili. E non mancano le nostre stesse deficienze o i cambiamenti sistemici che hanno avuto luogo nel mondo dopo gli anni '90 del secolo scorso, che ha mosso alcuni indovini della presunta fine della storia e del socialismo cubani. Ci sono ancora alcuni con uno spirito revanscista o fondamentalista che sembra avere tali allucinazioni.
Niente però è stato in grado di rompere la Cuba che qui rappresentiamo con orgoglio. Cuba ha resistito e, cambiando tutto ciò che deve essere cambiato, come sostiene il suo storico leader Fidel Castro, ha continuato a lottare nel mezzo di una globalizzazione dilagante, squilibrata e a volte travolgente.
E sapete perché non sono stati in grado di fare questo con Cuba? Perché il più grande potenziale della resistenza cubana è nella coscienza diffusa di un popolo che partecipa democraticamente alla propria esperienza di fondazione.
Siamo un popolo che vibra e lavora con scarse risorse. Un popolo che lavora e gode di diritti che non sono molto diffusi nel mondo:
· Accesso libero e di alta qualità all'istruzione, fino all'università e al livello post-universitario, per ciascuno dei suoi cittadini. L'istruzione raggiunge i luoghi più reconditi del paese.
· Alto livello di cultura generale. Ciascuno dei cittadini può coltivare i propri talenti artistici e godere della propria arte e cultura.
· Salute pubblica gratuita e di qualità in tutti i confini del territorio. Alti tassi di assistenza sanitaria e salute umana, a livello dei paesi più sviluppati del mondo.
· Ampia assistenza sociale, specialmente per i settori più vulnerabili, come la Terza Età.
· Sicurezza alimentare per l'intera popolazione, a spese di ampie politiche pubbliche dello Stato. Fame Zero, che è ancora chimera in molti Paesi e agenzie specializzate come FAO, PAM e IFAD. Questa è una realtà a Cuba da molti anni.
· L'emancipazione delle donne cubane fin dall'inizio della Rivoluzione è stato uno dei più avanzati e solidi cambiamenti sociali a Cuba. Non c'è settore dell'economia, della cultura, della politica, delle scienze, della difesa. Il loro contributo allo sviluppo della società non è sostanziale, in termini di opportunità, considerazione e remunerazione salariale nei confronti degli uomini. Le donne rappresentano quasi il 49% dei deputati dell'Assemblea nazionale e il 51% dei membri delle amministrazioni provinciali.
Devo dire che Cuba ha ottenuto non solo un notevole successo in molti campi. Ma ha anche fornito e continuerà ad offrire agli altri popoli una cooperazione efficace e la solidarietà umana. Molti degli ambasciatori che ci accompagnano lo sanno bene. Forse questo è il vero destino di Cuba: servire il bene, con modestia, con altruismo e disinteresse.
Non tutto può essere governato dalle leggi rozze del profitto e della competitività. Il mondo deve coesistere nel mezzo della sua diversità e affrontare civilmente grandi problemi universali. Il mondo è sollecitato dalla cordialità e dalla cooperazione, non da guerre o sottomissioni. "Il rispetto dei diritti degli altri è la pace", ha detto Benito Juárez. Ed è quello che Cuba, anche dalla sua piccola dimensione, propone al mondo. È per questo che sosteniamo, dalla nostra terra.
Continueremo a coltivare una politica estera di principi e di comprensione con altri Stati, su base rispettosa.
Menzione speciale che faccio ai nostri legami con l'Italia, un Paese a cui siamo legati da forti legami storici e culturali. Le tracce sono abbondanti. In questo paese. Cuba ha contato dall'epica di mambisa e oggi continua ad avere una grande solidarietà e amicizia. L'Italia è uno dei principali partner economici di Cuba e nascono nuove opportunità per continuare ad espandere e approfondire i nodi, in diversi ordini, tra i due Stati, sempre sulla base di una reciproca e rigorosa considerazione reciproca. Apprezziamo la cooperazione che l'Italia offre a Cuba in diversi campi. Speriamo che il 2019 segni nuovi progressi a vantaggio reciproco. La complementarità sarà rafforzata e gli investimenti italiani diventeranno notevoli nella nostra economia. Una profonda simpatia intreccia i nostri popoli,
Il 2018 è stato un anno di risultati tangibili per Cuba. Non tutto ciò che abbiamo proposto potrebbe essere raggiunto, ma avanziamo su più fronti, sia economicamente che socialmente e politicamente. Fu l'anno in cui una nuova generazione, gradualmente e gradualmente, iniziò ad assumere i principali compiti di gestione del paese a tutti i livelli, in chiara espressione della continuità della leadership storica della Rivoluzione.
Le autorità cubane, guidate dall'attuale presidente dei Consigli di Stato e dei Ministri, Miguel Díaz Canel, e con il contributo ancora vitale di Raúl Castro, dispiegano una stretta amministrazione governativa e nell'interazione quotidiana con i cittadini e con i più giovani generazioni. Costruire un paese è il lavoro di tutti.
Stiamo rafforzando la creazione di condizioni per una gestione economica più dinamica ed efficiente, anche più aperta al mondo, che permetta di sostenere ed espandere le nostre conquiste sociali e svilupparci integralmente.
Il 24 febbraio è commemorato il Grito de Baire, rivolta simultanea in 35 località organizzata nel 1895 da leader dell'indipendenza José Martí, con il quale l'ultima delle guerre cominciarono per l'indipendenza dal colonialismo spagnolo.
Consapevolezza dei significati storici. Cuba sta preparando, il 24 febbraio di quest'anno, un altro giorno decisivo: la realizzazione del referendum popolare che deve completare il processo di riforma costituzionale.
Battaglia di coscienza e idee che continuiamo a dare, questa è la nostra valuta. Nel 1993, Fidel Castro disse: "Non abbiamo il diritto di riposare mentre manca un voto da conquistare, mentre c'è una mancanza di intelligenza per persuadere, mentre c'è ancora un punto da chiarire. In fondo al canyon fino all'ultimo minuto, fino all'ultimo secondo! Questo deve essere il nostro metodo".
La nuova Costituzione, che speriamo sia approvata principalmente dai cittadini attraverso il voto libero e segreto, è un testo avanzato sotto molti aspetti, anche nei diritti umani e sociali o nella protezione dell'ambiente. Risponde non solo alle esigenze del presente di Cuba, ma è anche simile alla vocazione per il futuro che occupa tutti i nostri sforzi.
Dopo la ratifica della cittadinanza, come crediamo, dovrebbe essere avviato immediatamente un intenso programma di rinnovamento dell'organismo giuridico e normativo del paese e nei prossimi anni.
Noi intraprendiamo sforzi cardinali. La strategia di sviluppo economico e sociale di Cuba per i prossimi decenni va avanti, con stabilità, sanità mentale e grande responsabilità con il destino della nazione.
Cuba affronta il suo futuro con convinzione e sicurezza in sé. La nuova energia emerge nelle forze consustanziali della rivoluzione cubana. Siamo idealisti, sì. Com'è bello che in questi tempi turbolenti il ​​popolo cubano, con il più alto livello scolastico, possa coltivare ideali, poesia e cultura! Siamo idealisti, il che è un merito quando il sentiero è percorso con i piedi per terra. Ma non siamo dei vani romantici.
Conosciamo le nostre difficoltà e quanto dobbiamo ancora fare. Conosciamo i rischi connessi al nostro impegno nei confronti della nazione. Noi non siamo ciechi al diversione di buone cause o alle rivendicazioni furiose degli altri, né i dardi che vengono gettati o sono pronti per essere lanciato contro il progresso sociale in America Latina e nei Caraibi, in grado di rompere il condizione della zona di pace, con la quale tutti i suoi paesi si sono impegnati durante il secondo vertice della CELAC, a L'Avana.
Né le pistole né le armi devastanti saranno in grado di far desistere Cuba dal percorso intrapreso. "Un principio imparziale dal fondo di una grotta è più potente di un esercito", disse José Martí.
Durante la "Crisi d' Ottobre" del 1962, un piccolo tratto di un attacco nucleare massiccio al nostro Paese, abbiamo dimostrato che eravamo pronti a difendere con dignità, ad ogni costo, il diritto alla vita con sovrano sorriso. E in tutti questi sessant'anni abbiamo continuato a dimostrare la stessa posizione. Con lo sforzo quotidiano di ogni cubano, ogni giorno, creiamo la nostra Inno alla gioia.
La storia cubana è stata intensa negli ultimi sessant'anni. Non c'è stata tregua nell'affrontare, con o senza sostegno, sfide così profonde e colossali, come forse nessun'altra nazione piccola e modesta ha mai avuto nelle sue risorse in un momento simile.
Non ci saranno quanti possono farci arrossire, non importa quanti siano, quelli che denigrano l'orgoglio che proviamo per ciò che il popolo cubano è stato in grado di raggiungere.
Ci siamo forgiati nella resistenza e nella lotta quotidiana. Continueremo ad andare avanti, per il bene dei cubani e per il bene del mondo. Cuba offre pace e comprensione, offre rispetto e chiede rispetto. Tutti sanno che saranno in grado di continuare a contare sul popolo cubano.
Continueremo a lavorare sodo per un futuro migliore per il nostro paese, per la nostra gente e per il mondo.
Siamo Continuità dei migliori lasciti di coloro che ci hanno preceduto nelle nostre lotte nazionali e coloro che ci hanno mostrato la forza delle idee e il merito di una dignitosa sovranità.
Lunga vita e buon lavoro alla rivoluzione cubana!"


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it