28 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Ambasciate

Consiglio di Sicurezza dell´ONU, intervento conclusivo dell´ambasciatore italiano Sebastiano Cardi

08-12-2017 17:12 - Ambasciate
GD - New York, 8 dic. 17 - La rappresentanza italiana all´ONU ha diffuso la dichiarazione dell´Ambasciatore Sebastiano Cardi, Rappresentante permanente dell´Italia presso le Nazioni Unite, alle riunioni del Consiglio di sicurezza delle presidenze degli organi sussidiari del Consiglio di sicurezza, in cui tra l´altro riassume l´attività svolta soprattutto nella sua veste di presidente della Commissione per le sanzioni alla Corea del Nord.

"Signor Presidente, accolgo con favore questa opportunità, in qualità di membro uscente del Consiglio di Sicurezza, per tenere una relazione sul lavoro che ho svolto nella guida di un organo sussidiario del Consiglio. Cercherò di trarre alcune conclusioni dalla mia attività di presidente della Commissione 1718 per l´attuazione delle sanzioni imposte alla Repubblica Popolare Democratica di Corea (RDPC). Farò anche brevemente riferimento alla mia esperienza di facilitatore per l´attuazione della risoluzione 2231 del Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite, che approva l´accordo nucleare iraniano.
Vorrei soffermarmi su tre concetti principali che hanno ispirato la nostra azione quest´anno: efficacia, unità e trasparenza. Facendo da presidente e facilitatore, mi sono sentito in dovere di guidare il lavoro del Comitato 1718 e del Formato 2231, compiendo uno sforzo costante per raggiungere il consenso. Non solo a causa delle regole decisionali che si applicano a tutti gli organi sussidiari, ma anche per l´importanza che abbiamo sempre attribuito al principio di unità del Consiglio quando si agisce.
Un Consiglio che può agire unito al momento dell´adozione e per tutta l´attuazione delle sue risoluzioni è un Consiglio più forte. Come presidenti di organi sussidiari, abbiamo il compito di fornire input cruciali per la seconda parte dell´equazione - implementazione. L´ampia articolazione del regime di sanzioni della RPDC e la rapida successione di nuove misure negli ultimi mesi hanno imposto al Comitato uno sforzo particolare per assistere gli Stati membri delle Nazioni Unite e le organizzazioni internazionali. Allo stesso modo, l´innovativa serie di disposizioni stabilite dalla risoluzione 2231 doveva essere meglio compresa e assimilata nel secondo anno di vita. In questi sforzi, potrei sempre contare sulla cooperazione costruttiva di altri membri del Consiglio e oggi desidero ringraziarli per il loro continuo sostegno.
Sebbene l´unità sia essenziale affinché il Consiglio possa operare in modo efficace, la trasparenza è fondamentale per promuovere una migliore comprensione - e in definitiva una migliore attuazione - delle risoluzioni del Consiglio. È qui che ho deciso di investire più tempo e risorse a beneficio dell´adesione delle Nazioni Unite nel suo complesso. Organizzando due briefing aperti e cinque incontri regionali nel 2017, abbiamo cercato di far luce sull´evoluzione del regime di sanzioni della RPDC (Corea del Nord - ndr), fornendo allo stesso tempo agli Stati membri una piattaforma per sollevare questioni specifiche e stabilire un dialogo per discutere delle sfide di attuazione.
Ho ricevuto sincere parole di apprezzamento per queste iniziative di sensibilizzazione e, pertanto, desidero incoraggiare i futuri Presidenti a seguire questa strada. Si possono compiere maggiori sforzi per costruire relazioni più solide e un impegno più proattivo degli Stati membri con il Consiglio nel lavorare insieme all´attuazione. Consentitemi di ricordare anche il briefing aperto di luglio sulla risoluzione 2231, con particolare attenzione al canale degli appalti, un meccanismo ancora sottosfruttato che credo richieda ulteriore attenzione.
Signor Presidente, durante lo stesso briefing dello scorso anno, l´ex presidente del Comitato 1737 ha affermato che la gioia più grande del suo mandato è stata quella di vedere scomparire quella commissione. Oggi posso solo pronunciare queste parole, ribadendo l´incrollabile sostegno dell´Italia al JCPoA e la necessità di una piena attuazione della risoluzione 2231. Purtroppo, non posso esprimermi in termini simili nella commissione per il 1718: mentre speriamo in un´ondata di diplomazia, gli Stati membri Gli Stati devono raddoppiare gli sforzi per una piena attuazione delle sanzioni al fine di riportare la RPDC al tavolo dei negoziati.
Questo è lo scopo cruciale delle sanzioni imposte alla RPDC: creare condizioni favorevoli al riavvio dei negoziati, ostacolando allo stesso tempo lo sviluppo dei programmi di missili nucleari e balistici della RPDC. Come ripetutamente affermato in tutte le risoluzioni, le sanzioni non sono mai state pensate per avere un impatto negativo sulla popolazione nordcoreana o influenzare la situazione umanitaria nel paese. Durante il nostro prossimo incontro, l´11 dicembre, i membri della commissione ascolteranno una presentazione sulle operazioni umanitarie dell´ONU sul campo e discuteranno di questo argomento. Allo stesso tempo, rimane interamente nelle mani di Pyongyang per abbandonare i suoi programmi di missili balistici e nucleari e tornare alla legalità internazionale, così, anche noi ci stiamo avvicinando alla fine del mandato e c´è ancora del lavoro da fare.
In conclusione, vorrei augurare buona fortuna al mio collega olandese, l´ambasciatore Karel van Oosterom, che sono certo svolgerà un ottimo lavoro anche nella sua qualità di nuovo presidente di organi sussidiari. Fedele allo spirito del nostro doppio mandato, io e il mio team abbiamo lavorato fianco a fianco con i nostri colleghi olandesi per garantire una transizione senza intoppi e, dal 1 ° gennaio, saremo in prima fila per supportare il loro lavoro dall´altra parte di questo tavolo.
Infine, desidero esprimere la mia gratitudine per l´inestimabile assistenza ricevuta dalla succursale degli organi ausiliari del Segretariato e una menzione speciale per l´instancabile lavoro del gruppo di esperti della RPDC. La loro cooperazione e consulenza sono state fondamentali per i nostri compiti".


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it