18 Agosto 2019
[]
[]

News
percorso: Home > News > Economia

Arabia Saudita: a Roma presenta "Vision 2030", workshop per le aziende italiane

27-03-2018 17:33 - Economia
GD - Roma, 27 mar. 18 - Il processo di modernizzazione, urbana e sociale dell´Arabia Saudita offrirà grandi opportunità anche alle aziende italiane. Se ne parlerà domani, mercoledì 28 marzo, alle ore 10, al Resort Rome Cavalieri Walford Astoria, nel corso di un workshop dedicato a "Saudi Vision 2030", il più grande programma di urbanizzazione innovativa della storia del Paese arabo.
I riflettori saranno puntati su Neom, la prima città del futuro completamente alimentata dal calore dei raggi solari e dalla potenza del vento. Il forum è promosso dallo studio legale dell´avv. Antonio Fabbricatore e coinvolgerà una delegazione araba guidata da Usamah Al Kurdi, chairman di Alagat Company for International Exhibitions & Conferences (società saudita leader nei settori Insurance, Agrifood Consulting and Oil & Gas services); Afaf Konja, già portavoce delle Nazioni Unite; esponenti di Sace-Simest, l´Istituto nazionale per il commercio estero e imprese italiane.
Il workshop avrà una connotazione operativa in quanto le aziende avranno da un lato la possibilità di cogliere nel dettaglio le opportunità offerte da "Saudi Vision 2030" valutando la solidità del processo di rinnovamento che sta interessando il Paese; dall´altro di promuovere la propria azienda e proporre occasioni di business attraverso un confronto diretto con le controparti saudite.
La realizzazione della città di Neom, interamente funzionante grazie a impianti solari ed eolici, richiederà investimenti per circa 500 miliardi di dollari, sarà realizzata entro il 2030 e si estenderà su una superficie di 26.500 chilometri quadri. Tutti i servizi primari, dai trasporti alla sanità alla sicurezza, saranno erogati con le più moderne tecnologie.
Il programma "Saudi Vision 2030" punta a ridurre la dipendenza del Paese arabo dal petrolio, diversificare l´economia e sviluppare servizi pubblici quali l´istruzione, le infrastrutture e il turismo. In particolare, è stata prevista la creazione di un enorme polo turistico sul Mar Rosso e, parallelamente, un piano per incrementare il turismo religioso nel Paese che consenta di passare dagli attuali 8 a 30 milioni di pellegrini l´anno.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it