29 Settembre 2020
[]
[]
News
percorso: Home > News > Politica

Africa: Conte vola in Niger e Ciad, è la prima volta per un premier italiano

14-01-2019 19:00 - Politica
GD - Niamey, 14 gen. 19 - Missione in Niger e Ciad, domani e mercoledì, per il presidente del Consiglio Giuseppe Conte, che è il primo capo di un governo italiano a visitare i due Paesi africani, fondamentali per gli equilibri politici e di sicurezza del Sahel. Le tappe a Niamey e Ndjamena fanno parte di un percorso di rafforzamento della partnership con i Paesi africani avviato dal Governo di Roma, che ha visto un passaggio fondamentale nei mesi scorsi con il viaggio di Conte in Etiopia ed Eritrea. Prima tappa del viaggio sarà il Niger, dove il nostro Paese ha aperto due anni fa l'ambasciata, retta da Marco Prencipe, a dimostrazione dell'importanza che il Paese, situato alla frontiera meridionale della Libia, riveste in questo momento per l'Italia, ma anche tutta la regione del Sahel.
Con Niamey, considerato un interlocutore privilegiato, il nostro Paese ha sviluppato un approccio che coniuga sicurezza e sviluppo, un binomio fondato su numeri e impegni ben precisi: da un lato sostegno all'addestramento delle forze di sicurezza nigerine, missione cui partecipano da settembre 92 soldati italiani, che hanno già provveduto alla formazione di 260 militari, dall'altro programmi di cooperazione a sostegno delle donne, dell'imprenditoria giovanile e dell'agricoltura su cui finora sono stati investiti circa 80 milioni di euro.
La visita di Conte a Niamey è anche la dimostrazione di come siano state superate le incomprensioni dei mesi scorsi sulla presenza dei nostri militari in Niger. E appare come il riconoscimento del grande impegno dimostrato dl Paese sui temi della lotta al terrorismo e della lotta flussi migratori irregolari. Flussi in direzione della Libia che negli ultimi due anni si sono ridotti dell'80% e questo grazie all'adozione di una legge in Niger che ha portato allo smantellamento delle rete di trafficanti criminali.
Ma anche grazie agli ingenti aiuti arrivati dall'Unione Europea e dall'Italia, con la fornitura di mezzi ed equipaggiamento per il controllo dei confini e con i fondi per programmi di sviluppo per la popolazione, alternativi ai business illegali.
Il Niger, dopo il collasso dello Stato libico, è di fatto diventato la frontiera meridionale dell'Europa. E la sua relativa stabilità, rispetto ad altri Paesi della regione, come il Ciad o il Burkina Faso, ne fa un argine contro i flussi migratori, un interlocutore privilegiato in una regione difficile, esposta a gruppi terroristici e bande criminali.
Secondo dati dell'Africa Center for strategic studies, gli attacchi violenti legati all'attività di gruppi di estremisti islamici nella regione del Sahel sarebbero triplicati negli ultimi 12 mesi.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it