29 Settembre 2020
[]
[]
News

Accademia d’Ungheria: incontro sull’architettura ecclesiastica in Ungheria dal 1990 ad oggi

19-09-2019 09:45 - Arte, cultura, turismo
GD - Roma, 19 set. 19 - L’Accademia d’Ungheria dedicata un evento al tema “L’Architettura ecclesiastica in Ungheria dal 1990 ad oggi”. Continuano a Roma all’Accademia d’Ungheria in Roma gli eventi correlati alla ricorrenza trentennale della Caduta della Cortina di Ferro.
Martedì 24 settembre, alle ore 17.30 nel Palazzo Falconieri, si terrà la tavola rotonda intitolata “l’Architettura ecclesiastica in Ungheria dal 1990 ad oggi”, a cura dell’Arch. Miklós Sulyok, storico dell'arte, membro dell'Accademia Ungherese delle Arti
Il genere architettonico più significativo dal 1990 ad oggi in Ungheria è senza dubbio quello ecclesiastico, poiché nel periodo che va dal 1948 al 1990 lo Stato cercò di annientare ogni forma di religione non solo controllando e ostacolando con ogni mezzo la pratica religiosa ma anche impedendo la costruzione di nuovi edifici sacri. Dopo la caduta del muro di Berlino e dell'Unione Sovietica si ebbe un vero e proprio boom nella costruzione di chiese ed altri edifiici connessi con la religione. La conferenza illustrerà le caratteristiche architettoniche e teologiche del periodo in questione.
Alle 19.30 seguirà il concerto del Quintetto Feds, organizzato in collaborazione con l’AIMART. Musicisti: Samuele Del Monte (tromba), Eduardo Rodríguez, Francisco Rodriguez (corno), Edward Arosemena (trombone), Edgar Dutary (tuba).
In programma: P. Dukas: Fanfare da “La Péri”, Anonimo: Sonata da Die Bänkelsängerlieder
V. Ewald: Quintet in Sib, op. 5, M. Kamen: Quintet, E. Morricone: Moment for Morricone, Santiago Lope: Gallito, Arr. Jack Gale: Suite Mexicana, H. Hernàndez: El Diablo Suelto, S. Diaz: Alma llanera; L. Bermudez: Caprichito.


Fonte: Redazione
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]
[]

Realizzazione siti web www.sitoper.it